Quotidiano Nazionale logo
29 apr 2022

Udinese-Inter, Handanovic lavora per il recupero: lo sloveno sta meglio

Inzaghi non disporrà dello squalificato Calhanoglu e spera di riavere Vidal

Samir Handanovic
Samir Handanovic

Milano, 29 aprile 2022 - Samir Handanovic sta cercando di recuperare dal problema fisico che gli ha impedito di scendere in campo a Bologna mercoledì sera. Sta meglio, secondo quanto filtra oggi da Appiano Gentile. Se il percorso di recupero proseguirà senza intoppi, a Udine lo sloveno tornerà a prendere posto fra i tre pali. Tornerà quindi in panchina Radu, l'eroe al contrario del mercoledì di campionato, condannato da una clamorosa papera con i piedi su un retropassaggio (forse avventato) di Perisic su rimessa laterale. Già ieri i compagni di squadra hanno fatto di tutto per rincuorarlo, così come era accaduto nella pancia del Dall'Ara dopo il triplice fischio. La sua avventura all'Inter finirà a fine stagione, in teoria, anche se bisognerà capire se la cessione avverrà in prestito o a titolo definitivo e chi si accollerà un ingaggio da 1,8 milioni netti a stagione.
Al Friuli, domenica pomeriggio alle 18, mancherà di certo Hakan Calhanoglu. Ammonito contro i felsinei, il turco sarà costretto a guardare i compagni dalla televisione. Inzaghi valuterà in questi giorni le condizioni di Arturo Vidal, fermo dal derby di Coppa Italia per una distorsione alla caviglia destra, e di Roberto Gagliardini, che non ha acciacchi ma è stato impiegato con il contagocce di recente (come Vecino). Uno dei due avrà la responsabilità di sostituire Calhanoglu, pilastro del centrocampo che quest'anno ha messo assieme 11 assist ed è il primo incaricato sui calci da fermo.
Non ci sarà nemmeno Alessandro Bastoni. Colpito da un risentimento al soleo della gamba sinistra prima della partita contro il Bologna, non ha partecipato alla gara e non potrà dare il suo contributo nemmeno domenica. Al suo posto potrebbe giocare ancora Dimarco, di piede mancino e molto utile nella costruzione, oppure il più difensivo D'Ambrosio, con lo spostamento di Skriniar a sinistra. Possibili cambiamenti anche in attacco: Correa ha deluso, non ha sfruttato l'opportunità per rilanciarsi nel finale di stagione e continua a “litigare” con la porta. Dzeko dovrebbe sopravanzarlo nelle gerarchie affiancando Lautaro Martinez, bloccatosi a livello realizzativo a Bologna dopo aver ripreso confidenza con la rete nelle ultime apparizioni.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?