Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 lug 2022

Scozia, Europa e il referendum "impossibile"

20 lug 2022
riccardo
Cronaca

Riccardo

Riccardi

La Scozia è la parte settentrionale dello UK. L’atto di unione del 1707 stabilì che venisse formato un unico Stato, Regno Unito di Gran Bretagna, con piena parità di diritti. Il Governo Blair, a seguito del referendum del ‘97, accettò l’istituzione di un parlamento regionale ad

Edimburgo, oltre una serie di misure riguardanti le politiche fiscali. Nel ‘99, in base al principio della devolution, la Scozia, sempre parte del Regno Unito, ha avuto per la prima volta dal 1707, un suo parlamento ed un governo autonomo. A capo dello esecutivo c’è la battagliera

Nicola Sturgeon, che i conservatori al potere a Londra hanno definito "la donna più pericolosa del Regno Unito".

Il primo ministro scozzese ha un obiettivo chiaro: l’indipendenza della Scozia che, se si realizzasse, significherebbe la disintegrazione della UK. La visione della capa del

Governo è quella di una Scozia indipendente che si possa ricongiungere alla Unione europea, considerato che i suoi concittadini per il 62% votarono contro Brexit. La signora Sturgeon vorrebbe fissare al 19 ottobre una consultazione popolare. Sa che è utopistico perché la Corte Suprema di Londra rifiuta di riconoscere la legalità di un referendum costituzionale. Materia riservata al parlamento di Westminster che non darà mai disco verde. Johnson ha

recentemente dato le dimissioni da capo dei conservatori, che vorrebbero sostituirlo già nel prossimo settembre. Alla fine del 2024 sono previste le elezioni per il rinnovo del Parlamento.

La campagna elettorale si prevede infuocata. I conservatori potrebbero perdere la leadership a

favore dei laburisti grazie all’appoggio scozzese. Si celebrerebbe un referendum de facto nel Paese patria della democrazia. Che una cattiva situazione economica potrebbe mettere in pericolo. E sarebbe l’apoteosi di quei regimi oligarchici che considerano superata la libera

sovranità popolare.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?