Quotidiano Nazionale logo
24 apr 2022

Litigi tra ubriachi e schiamazzi: stop di 10 giorni al Caffè Monti

Sospensione temporanea per il bar in pieno centro. Stessa sorte per il Saltanet. in zona Brenta

Il provvedimento è stato notificato dagli agenti del commissariato Centro
Il provvedimento è stato notificato dagli agenti del commissariato Centro
Il provvedimento è stato notificato dagli agenti del commissariato Centro

Dal locale di periferia al bar in pieno centro. Nei giorni scorsi, il questore Giuseppe Petronzi ha disposto la chiusura per dieci giorni di due esercizi commerciali sulla base dell’articolo 100 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (Tulps), che consente di chiudere momentaneamente un luogo pubblico in cui "siano avvenuti tumulti o gravi disordini, o che sia abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose o che, comunque, costituisca un pericolo per l’ordine pubblico, per la moralità pubblica e il buon costume o per la sicurezza dei cittadini". Il primo provvedimento ha riguardato il bar Saltanet di via Breno 1, in zona Brenta: venerdì pomeriggio, gli agenti del commissariato Mecenate hanno notificato la sospensione al titolare. Lo stop è scaturito, si legge in una nota di via Fatebenefratelli, da una serie di accertamenti portati avanti dalla polizia negli ultimi mesi: nel corso dei costanti servizi di osservazione, il locale si è confermato essere un abituale ritrovo di persone "con a carico gravi precedenti penali e di polizia", che con il loro comportamento, a giudizio della Questura, hanno violato "i regolamenti a tutela della salute pubblica, alimentando un diffuso stato di inquietudine e una forte percezione di pericolo". Da qui i sigilli al Saltanet.

Medesima sorte è toccata nelle stesse ore anche al Caffè Monti, che si trova al civico 29 dell’omonima via a due passi dal Castello Sforzesco. In questo caso, la misura è stata eseguita venerdì dagli agenti del commissariato Centro, competenti per territorio. La decisione del questore è legata a una sequela di interventi delle forze dell’ordine per sedare "liti avvenute presso il bar tra avventori anche con precedenti per reati di armi e contro la persona, spesso ubriachi". L’alt temporaneo si è reso necessario, inoltre, perché agli investigatori sono arrivate numerose segnalazioni da parte dei residenti della zona, che hanno lamentato in diverse occasioni "problematiche di ordine e sicurezza pubblica", nonché "schiamazzi perduranti anche in orario serale e notturno".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?