Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
24 mag 2022

Call center, guerra vinta in Tribunale a Milano. "Paghe adeguate e stop agli abusi"

I giudici milanesi accolgono una raffica di ricorsi presentati dagli operatori del colosso Almaviva. I lavoratori: nel settore condizioni pessime anche negli appalti pubblici

24 mag 2022
andrea gianni
Cronaca
La denuncia è partita dal collettivo Almaworkers
La denuncia è partita dal collettivo Almaworkers
La denuncia è partita dal collettivo Almaworkers
La denuncia è partita dal collettivo Almaworkers

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano Milano - La guerra dei call center approda in Tribunale. Una raffica di sentenze, circa quaranta in primo grado fra cui alcune già confermate dalla Corte d’Appello di Milano, hanno dato ragione agli operatori del colosso dei call center Almaviva, che hanno fatto causa denunciando un inquadramento inferiore rispetto alle loro mansioni, quindi con paga più bassa, e un uso "selvaggio" del part time. I giudici, quindi, hanno stabilito per loro risarcimenti che vanno dai cinque ai dodicimila euro lordi. "Stiamo vincendo tutti i ricorsi – spiega Angelo, attivista del collettivo di lavoratori Almaworkers – scoperchiando prassi che riguardano anche altri grossi call center, dove si vivono le stesse violazioni dei diritti. Potrebbe essere il primo passo di una battaglia più ampia". A condurla sono operatori, assistiti dagli avvocati Massimo Laratro e Antonio Pironti, che passano la giornata a rispondere ai clienti di società private e agli utenti di uffici pubblici, che appaltano a società esterne i il servizio di call center. Una torta che in Italia è spartita da pochi colossi, come Almaviva, Covisian o Comdata, con dipendenti che migrano da uno all’altro quando subentra un cambio d’appalto. Almaviva e Covisian sono già al centro di una lunga vertenza per il licenziamento di 543 lavoratori impiegati sulla commessa ex Alitalia, con un presidio permanente a Palermo, città più impattata dai tagli. Ora a Milano si apre un nuovo fronte, con la raffica ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?