Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
26 mag 2022

Anima gemella e ricerche online Ecco le trappole

26 mag 2022
ruben
Cronaca

Ruben

Razzante*

I prolungati lockdown durante la pandemia hanno azzerato la socialità in presenza e consolidato quella on-line. Le persone più determinate non hanno tuttavia rinunciato ai festeggiamenti, sia pure da remoto, accontentandosi di fare un brindisi attraverso uno schermo. Si sono intensificati gli incontri sentimentali via web e c’è anche chi ha raccontato sui social di essersi innamorato di una persona che non ha mai visto in presenza ma solo in foto. Cercare l’anima gemella navigando in Rete e utilizzando siti web e social network specializzati sembra una pratica sempre più diffusa. Il dating on-line è proprio quel fenomeno che si sviluppa nei luoghi virtuali dedicati a nuovi incontri. Ma bisogna stare attenti, come raccomanda il Garante della privacy, perché la propria identità digitale rischia di pagare le conseguenze di incontri incauti con sconosciuti, che in realtà cercano altro, non amore, non amicizie. D’altronde per creare empatia con un potenziale nuovo partner è necessario aprirsi, svelare propri gusti, preferenze, abitudini sociali e orientamenti sessuali, tutti dati sensibili che le norme sulla privacy proteggono in maniera rafforzata e che spesso noi divulghiamo con troppa leggerezza anche a chi non conosciamo a fondo, anche a chi incontriamo per la prima volta on-line e ci colpisce per un qualcosa. Ecco perché occorre sempre leggere con grande attenzione l’informativa sul trattamento dei dati personali, per capire quanti e quali dati verranno raccolti, chi tratterà i nostri dati personali e con quali finalità. Va limitata allo stretto indispensabile la pubblicazione di informazioni riservate, anche di proprie foto. Condividere immagini intime con persone conosciute da poco e con le quali sembra scoccare la scintilla amorosa può rivelarsi una azione scellerata, che espone a rischi concreti di diffusione impropria di quei materiali.

*Docente Diritto

dell’informazione

Università Cattolica Milano

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?