Agguato a colpi di pistola in via Cadore
Agguato a colpi di pistola in via Cadore

Milano, 12 aprile 2019  -  L'agguato a colpi di pistola, avvenuto stamattina in via Cadore a Milano, ha imediatamente suscitato vibranti reazioni del mondo della politica. Sindaco e vicesindaco di Milano sono in contatto con la Questura per capirne di più sul tentato omicidio in pieno giorno. "Ho sentito il questore questa mattina quando è arrivata la notizia: ovviamente intanto c'è preoccupazione perché la vittima è sotto i ferri" ha detto Giuseppe Sala, che stamani ha lasciato la riunione di giunta in periferia nel quartiere Corvetto . "Il fatto che sia avvenuto la mattina presto in una zona così centrale desta preoccupazione, però dobbiamo avere più informazioni per fare altre dichiarazioni" ha aggiunto la vicesindaco e assessore alla Sicurezza, Anna Scavuzzo.

 "A Milano sono già arrivati 88 poliziotti in più da ottobre 2018 e con il nuovo organico arriveranno in questura altri 487 agenti". Lo dice il ministro dell'Interno Matteo Salvini dopo l'agguato di questa mattina ad un pregiudicato, sottolineando che a Milano i reati sono in calo del 4,2%. «Ma stiamo lavorando per migliorare ancora» aggiunge. A Milano e provincia «ci sono 814 militari per l'Operazione Strade sicure destinati alla vigilanza degli obiettivi sensibili oltre a 3.357 carabinieri e 2.072 finanzieri - dice inoltre il
titolare del Viminale - E abbiamo investito 2 milioni per le telecamere per implementare la videosorveglianza e altri 344.730 sono stati destinati alla sicurezza delle scuole. Infine 4,53 milioni sono stati stanziati per la sicurezza delle periferie e della provincia»

Nessun allarme sicurezza a Milano, ma questo non significa che non si debba tenere alta la guardia e, di certo, non si può far finta che vada tutto bene". E' il pensiero del presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, espresso dopo l'agguato in piena regola di questa mattina per uccidere un uomo in via Cadore. "Credo che il problema sicurezza sia sempre stato tenuto sotto controllo fino ad oggi. Mi sembra che evidentemente esistano delle situazioni abbastanza preoccupanti ed è talmente vero che il ministro Salvini ha destinato alla nostra Regione e a Milano un numero congruo di operatori della polizia". Secondo il governatore bisognerebbe "andare nella direzione di stringere molto le maglie, bisogna stare molto attenti, non bisogna far finta che non ci siano problemi, non bisogna far finta che vada tutto bene, e bisogna cercare di essere sempre molto attenti, e fare in modo che la polizia possa avere sempre più forze".