Mantova,30 maggio 2018 - Palazzo Castiglioni, nel cuore di Mantova, è diventato nella tarda serata il clou della lunga giornata che, pur senza sciogliere tutti i dubbi e le curiosità legate al futuro della società biancorossa, ha comunque fatto registrare un significativo passo in avanti.

In estrema sintesi l'atteso arrivo del bonifico (155.000 euro) promesso da Pablo Dana ha sbloccato definitivamente l'accordo con il "vecchio" gruppo societario e l'imprenditore di origini ferraresi ed i suoi collaboratori sono entrati così a far parte del sodalizio virgiliano con la quota del 25%. Una importante novità che è stata ufficializzata nel corso di una conferenza stampa che ha visto la presenza di Dana e Strafinger per i nuovi soci e di Paolo Colombo, Antonio Ferrari e Massimo Randon in rappresentanza dei proprietari originari. A dire il vero all'incontro con i giornalisti sono stati invitati anche alcuni tifosi che hanno colto la palla al balzo ed hanno girato una nutritissima serie di domande ai dirigenti che hanno seguito la stagione appena conclusa del Mantova.

In questo senso la ricostruzione della squadra con il mercato invernale e le scelte che hanno caratterizzato la stagione di serie D terminata con un quarto posto sono passate sotto la lente di ingrandimento dei tifosi biancorossi che hanno ribadito il loro malumore. Un'analisi assai approfondita che, a dire il vero, ha tolto un po' di spazio al racconto dei progetti della rinnovata società di viale Te. In questo senso, appurata la solidità economica del nuovo arrivato e allontanati in modo (forse) definitivo possibili ritorni di altri imprenditori, i dirigenti intervenuti all'animata conferenza stampa hanno ribadito che giugno sarà il mese decisivo per conoscere il volto e i programma del "nuovo" Mantova. Un paio di settimane di attesa che dovranno anche ufficializzare l'organigramma societario (a cominciare da ds e amministratore delegato) e la composizione di una squadra che, ancora con Manuel Spinale in pole position nella corsa verso la panchina, dovrà essere competitiva (e possibilmente vincente) nel prossimo campionato di serie D.