Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
22 lug 2022

Caldo e siccità: sos animali negli alpeggi tra pascoli ingialliti e acqua nelle cisterne

Tra le zone più colpite Valtellina, Valchiavenna, Bresciano, Bergamasca e Alto Comasco. A rischio, stima Coldiretti, formaggi tipici e salumi

22 lug 2022
featured image
L'alpeggio con mucche al pascolo
featured image
L'alpeggio con mucche al pascolo

Milano, 22 luglio 2022 - L'emergenza siccità è arrivata a colpire anche gli alpeggi, con i pascoli che sono sempre più secchi e le pozze per abbeverare gli animali asciutte a causa della mancanza di pioggia e delle alte temperature.  É quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti sulla situazione in montagna, in riferimento all'ultima ondata di caldo che soffoca l'Italia con le città bollenti in un 2022 che in Italia si classifica nel primo semestre come l'anno più caldo di sempre, con incendi e siccità.  Siccità in Lombardia: "L'acqua per l'agricoltura sta finendo" "Una situazione drammatica sui pascoli in altura che coinvolge dalla Lombardia al Veneto, dal Piemonte all'Emilia - sottolinea Coldiretti in una nota - con prati secchi che costringono le greggi a spostarsi sempre più nei boschi, caldo anomalo, con gli animali che rischiano di non avere da bere e in alcuni casi vengono dissetati da rifornimenti di emergenza trasportati con gli elicotteri, con le autobotti e con le cisterne trainate dai trattori, come in provincia di Bergamo. Sempre in Lombardia nel Bresciano sorgenti al minimo storico e pascoli rinsecchiti e autobotti in azione". L'allarme siccità in Lombardia era stato dato nei giorni scorsi a più voci, anche dalla Regione. Pascoli ingialliti in Valtellina e Valchiavenna "In sofferenza - continua Coldiretti - anche gli alpeggi tra Alto Lago di Como, Valtellina e Valchiavenna, con erba dei pascoli ingiallita e difficoltà di far abbeverare gli animali con le mucche che stanno producendo tra il 10 e il 20 per cento di latte in meno. Si rischia - avverte l'associazione dei produttori agrozootecnici - un ritorno a valle forzato e anticipato di diverse settimane per la difficoltà di approvvigionamento del fieno necessario per sfamare gli animali".  La situazione in Veneto e Piemonte In Veneto, sulle Dolomiti, sull'Altopiano di Asiago, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?