Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
19 lug 2022
19 lug 2022

Siccità in Lombardia: "L'acqua per l'agricoltura sta finendo"

Fontana: la situazione è molto preoccupante

19 lug 2022

Milano - "Purtroppo siamo arrivati a un tale livello di siccità, che sta finendo l'acqua per l'agricoltura". Lo ha sottolineato Attilio Fontana, presidente di Regione Lombardia, a margine di un convegno oggi all'Università di Pavia. "I laghi Maggiore, Garda e di Como hanno riserve d'acqua che consentiranno l'utilizzo per le attività agricole ancora per qualche giorno - ha spiegato Fontana -. È più critica la condizione del bacino del lago d'Idro. La situazione è molto preoccupante: se nei prossimi giorni non pioverà, sarà difficile reperire risorse idriche per l'agricoltura". 

Per l'acqua potabile "non c'è mai stato nessun rischio - ha detto  Fontana -. La falda è ancora sufficientemente in grado di rispondere alla esigenze. Il problema c'è per quanto riguarda l'irrigazione anche perché sono ordini di grandezza assolutamente non paragonabili". Per l'agricoltura "avevo detto che non saremmo potuti andare avanti in questo modo, anche prima del 25 luglio. Inizialmente - ha aggiunto Fontana - avevo pensato al 5 di luglio come data, poi il termine è stato posticipato al 15". Attualmente «per certi laghi possiamo resistere fino al 25 più o meno - ha concluso Fontana - per qualche altro bacino la situazione è più pesante e complessa per cui non so fino a quando riusciamo ad arrivare"

Dalle previsioni meteo a stretto raggio, purtroppo, non arrivano buone notizie. L'Italia in questi giorni è investita dall'anticiclone Apocalisse 4800 che porterà per tutta la settimana temperature roventi, con punte oltre i 40° anche a Milano e in tutta la regione. Intanto l'emegenza siccità si allarga a quasi la metà del territorio dell'Unione Europea con il 46% delle campagne europee devastate da forti cali dei raccolti e dal divampare degli incendi favorito da temperature record. Sul vecchio Continente si è scatenata una vera e propria tempesta perfetta - sottolinea Coldiretti - con ampie e persistenti assenze di precipitazioni che si sono combinate alle ondate di caldo del tutto anomale aggravate dalla previsione di condizioni più secche del normale in vaste aree d'Europa per i prossimi tre mesi

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?