Quotidiano Nazionale logo
11 gen 2022

Bollettino Covid Italia e Lombardia: i dati dell'11 gennaio

Aumentano le terapie intensive e i ricoveri. Tasso stabile a 16%

La variante Omicron corre a velocità incontrollabile tanto da prefigurare che metà della popolazione europea sia contagiata entro due mesi. Uno scenario che coinvolge a pieno titolo anche l'Italia dove diverse regioni, tra cui la Lombardia, si apprestano a entrare in zona arancione dalla prossima settimana con nuove restrizioni per chi non è vaccinato. "La direzione è sicuramente quella, speriamo di riuscire a fermarci prima" ha confermato il governatore Attilio Fontana. In un simile contesto, in cui il bollettino quotidiano sui nuovi positivi segni ogni giorno nuovi record, viene messa in discussione anche l'utiltà di tale conteggio aggiornato ogni 24 ore. Più opportuno del report quotidiano sui contagi, anche secondo il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, sarebbe quello sulle ospedalizzazioni.  Dal canto suo anche il Cts si dice favorevole al bollettino settimanale.

 

Bollettino Italia

I nuovi positivi sono 220.532 mentre i decessi risultano 294. Un nuovo record. Sono 1.375.514 i tamponi molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 612.821. Il tasso di positività è al 16%, stabile rispetto al 16,6% di ieri. Sono 1.677 i pazienti in terapia intensiva, 71 in più in 24 ore nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 185. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 17.067, ovvero 727 in più di ieri. 

I dati nazionali / PDF

 

Bollettino Lombardia

A fronte di 265.222 tamponi effettuati, sono 45.555 i nuovi positivi. Il tasso di positività scende a 17,1%. Ieri era 20,3%. In terapia intensiva 256 pazienti (+10 rispetto a ieri) mente i ricoverati nei reparti crescono di 203 unità e raggiungono quota 3.202 (+203). I nuovi decessi sono 55 per un totale di 35.519.

I dati lombardi
I dati lombardi

 

I nuovi casi per provincia:

  • Milano: 13.022 di cui 5.212 a Milano città
  • Bergamo: 4.111
  • Brescia: 6.408
  • Como: 3.279
  • Cremona: 1.611
  • Lecco: 1.443
  • Lodi: 1.126
  • Mantova: 1.876
  • Monza e Brianza: 3.831
  • Pavia: 2.525
  • Sondrio: 782
  • Varese: 4.187.

Milano, riapre l'ospedale in Fiera

Le altre regioni

Veneto

Il Veneto torna a superare nelle ultime 24 ore il 'tettò dei 21mila contagi, stabilendo un nuovo record: il bollettino di oggi della Regione dà conto infatti di 21.504 infetti, portando il totale da inizio epidemia a 792.750. Si registrano altre 27 vittime, per un totale da inizio pandemia di 12.612.

Zaia: "Si va in arancione"

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 9.026 tamponi molecolari sono stati rilevati 916 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 10,15%. Sono inoltre 25.739 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 3.271 casi (12,71%). Le persone ricoverate in terapia intensiva scendono a 37 mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 353. Lo ha comunicato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi. Per quanto riguarda l'andamento della diffusione del virus tra la popolazione, la fascia d'età più colpita è quella 50-59 anni (20,13%), seguita dalla 40-49 (19,08%), dalla 0-19 (16,15%), dalla 30-39 (14,00%) e dalla 20-29 

P.A. Bolzano

In Alto Adige si registra un'esplosione di nuovi casi di Covid-19. Ben 3.039 contagi in 24 ore deo quali - come riferisce l'assessorato alla Sanita' - il 70% sarebbero riconducibili alla variante Omicron. Boom di contagi ma anche record per quando concerne il numero di tamponi effettuati, 20.385, dato giornaliero mai registrato da inizio pandemia. Due le persone decedute, entrambe sopra gli 80 anni, per un dato complessivo di 1.324 vittime da inizio pandemia. Delle nuove positivita', 190 sono emerse da 1.288 tamponi molecolari. Il 19% dei nuovi contagiati totali riguarda persone tra i 20 e i 29 anni e il 18% giovani tra i 10 e i 19 anni. Stabile il numero dei pazienti Covid ricoverati in ospedale che sono 77 nei normali reparti e 18 in terapia intensiva. I guariti totali sono 101.974. Sempre in crescita le persone in quarantena o isolamento domiciliare che salgono a 15.600.

P.A. Trento

Altri 2 decessi Covid-19 in Trentino e nuovo picco di contagi (oltre 3 mila) nelle ultime 24 ore. A certificarlo il bollettino quotidiano dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari che riporta anche un incremento dei ricoveri saliti a 150 dopo che ieri sono stati registrati 23 nuovi ingressi solo in parte compensati dalle dimissioni (appena 8 ieri): in rianimazione ci sono 28 pazienti. Nel dettaglio, ieri sono stati riscontrati 151 casi positivi al molecolare (su 1.567 test effettuati) e 2.901 all'antigenico (su 16.846 test effettuati). I molecolari poi hanno confermato 30 positività intercettate nei giorni scorsi dai test rapidi

Dai no vax busta con proiettile al presidente della provincia di Trento

Piemonte

Sono 13 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall'Unità di Crisi della Regione Piemonte, il totale diventa quindi 12.191 deceduti risultati positivi al virus. Sono invece 18.607 i nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 16.717 dopo test antigenico), pari al 18,3% di 101.414 tamponi eseguiti, di cui 86.784 antigenici. Degli 18.607nuovi casi gli asintomatici sono 13.573 (72,9%). I casi sono così ripartiti: 15.547 screening, 2.407 contatti di caso, 653 con indagine in corso. Il totale dei casi positivi diventa 628.232. I ricoverati in terapia intensiva sono 148 (+8 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 1.911 (+66 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 148.626. I tamponi diagnostici finora processati sono 12.523.418.

Valle d'Aosta

In Valle d'Aosta 671 nuovi positivi, il totale diventa quindi di 21.265 da inizio pandemia, secondo i dati del bollettino regionale. I positivi attuali sono 5.168. Tra questi 6 in terapia intensiva e 53 ricoverati. Il totale dei decessi resta di 491.

Liguria

Sono 9.267 i nuovi positivi al coronavirus in Liguria su un totale di 14.739 tamponi molecolari e 32.203 tamponi antigenici rapidi processati. Lo comunica la Regione nel consueto bollettino di aggiornamento sull'emergenza Covid. Si tratta del record assoluto sia per quanto riguarda i positivi sia per il numero di test eseguiti. Da questa settimana vengono conteggiate anche le positività rilevate coi tamponi antigenici. Calano gli ospedalizzati, in totale 729 (11 in meno) con 43 pazienti in terapia intensiva di cui 36 non vaccinati e 7 vaccinati. Nelle ultime 24 ore sono state somministrate 18.316 dosi di vaccino. Le terze dosi somministrate in tutto sono 559.412. Nelle ultime ventiquattro ore sono stati registrati 9 decessi. Il bilancio delle vittime sale a 4.676 da inizio emergenza. Dei nuovi contagiati 4.573 sono in provincia di Genova, 2.047 nell'Imperiese, 1.194 nello Spezzino e 1.400 nel Savonese. Gli attuali positivi sono 44.219 in Liguria (3.179 in più) con 6.079 nuovi guariti. In isolamento domiciliare 18.474 persone (2.651 in più). In sorveglianza attiva 12.010 soggetti

Emilia Romagna

Sono 14mila i nuovi casi di positività al Coronavirus individuati in Emilia-Romagna nelle ultime 24 ore sulla base di oltre 78mila tamponi. A questi si aggiungono altri 6.500 casi circa, riferiti alle provincie di Modena e Piacenza che non erano stati comunicati nei giorni scorsi. Crescono i ricoveri che sono 152 in terapia intensiva (112 dei quali non vaccinati, uno in più di ieri) e 2.166 negli altri reparti (123 in più di ieri). Si contano anche 25 nuovi morti. I casi attivi sono 229.198: un abitante della regione su venti ha attualmente il Covid. Il 99% di loro, però, sono in isolamento domiciliare perché non necessita di cure particolari. Fra le vittime, i più giovani sono un 44enne in provincia di Forlì-Cesena, una donna di 63 anni nel Modenese, un uomo di 64 a Bologna, una donna di 53 anni e un uomo di 64 nel Ferrarese.

Emilia, i dati sui contagi

Toscana

In Toscana sono 16.290 i nuovi casi Covid (5.506 confermati con tampone molecolare e 10.784 da test rapido antigenico), che portano il totale a 521.016 dall'inizio dell'emergenza sanitaria da Coronavirus. I nuovi casi sono il 3,2% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono del 4,4% e raggiungono quota 337.526 (64,8% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 20.951 tamponi molecolari e 66.569 tamponi antigenici rapidi, di questi il 18,6% è risultato positivo. Sono invece 21.059 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 77,4% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 175.806, +1,1% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.230 (33 in più rispetto a ieri), di cui 122 in terapia intensiva (9 in più). Si registrano 15 nuovi decessi: 6 uomini e 9 donne con un'età media di 85,9 anni. 

Toscana, risale il tasso di positività

Umbria

Sette morti legati al Covid vengono segnalati in Umbria nell'ultimo giorno nel quale scendono i ricoverati positivi al virus nei reparti ordinari, 212, quattro in meno, mentre salgono a 14 da 11 i posti occupati nelle terapie intensive. Emerge dai dati sul portale della Regione. Sono stati accertati 3.090 nuovi positivi e 2.315 guariti, con gli attualmente positivi ora 34.623, 768 in più. I tamponi processati sono stati 5.779 e i test antigenici 24.727, con un tasso di positività del 10,1 per cento (era 8,2 lunedì)

Umbria, bilancio pesante anche oggi

Marche

Sono 1.475 i positivi al covid rilevati nell'ultima giornata nelle Marche, di questi 405 presentano sintomi (da pochi e lievi a severi e critici), mentre continua a salire il tasso di incidenza, che arriva a 874,65 su 100mila abitanti. I nuovi casi rappresentano una positività del 12,5% su 14.001 tamponi analizzati nel percorso diagnostico screening (18.451 i tamponi totali, a cui si aggiungono 10.750 tamponi antigenici screening, con 4.700 positivi da sottoporre a tampone molecolare per conferma). La provincia di Ancona raccoglie ben 824 casi, seguita da quella di Ascoli Piceno, con 252, da Fermo con 230, da Macerata con 186, da Pesaro Urbino con 145 e 108 fuori regione. Il contagio è più diffuso nelle fasce di età25-44 anni (584 casi), e 45-59 anni (449). Ci sono 199 casi tra 19-24enne, 123 tra 14-18enni. Sono 19 i positivi in setting scolastico/formativo. Per 326 casi sono in corso approfondimenti epidemiologici.

Terapie intensive al 22% nelle Marche

Abruzzo

Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 6.090 tamponi molecolari (1.791.017 in totale dall'inizio dell'emergenza) e 45007 test antigenici (2155401). Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 9.77 per cento. Del totale dei casi positivi, 32400 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+817 rispetto a ieri), 40137 in provincia di Chieti (+1398), 35199 in provincia di Pescara (+1279), 36589 in provincia di Teramo (+1280), 1898 fuori regione (+80) e 1689 (+142) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Molise

Contagi ancora in salita in Molise dove nelle ultime 24 ore si sono registrati 798 nuovi casi di positività al Covid-19, in aumento rispetto a ieri (560), di cui 226 accertati dall'Azienda sanitaria regionale (Asrem) attraverso i tamponi molecolari e 572 dagli antigenici trasmessi dalle farmacie o laboratori analisi. I casi attualmente positivi in regione sono 5.913 di cui 3.842 diagnosticati con tampone molecolare Asrem e 2.071 con l'antigenico, un nuovo ricovero nel reparto di Malattie infettive dell'ospedale Cardarelli di Campobasso, un dimesso dallo stesso reparto, 73 guariti. Si apprende dal report diffuso in serata dall'Azienda sanitaria regionale (Asrem). Il totale dei pazienti ricoverati in infettive è 22, invariato rispetto a ieri, 2 in terapia intensiva (invariato).

Lazio

Oggi nel Lazio su 25.509 tamponi molecolari e 90.441 tamponi antigenici per un totale di 115.950 tamponi, si registrano 12.788 nuovi casi positivi (+3.348), sono 43 i decessi (+24, il dato è alto poiché comprende recuperi di notifiche), 1.583 i ricoverati (+65), 196 le terapie intensive (-1) e +3.153 i guariti. il rapporto tra positivi e tamponi è al 11%. i casi a Roma città sono a quota 5.336.

Puglia

Oggi in Puglia si registrano 7.287 casi di Covid su 87.269 test, oltre a 4 decessi. Attualmente sono 69.410 le persone positive. I ricoverati in area medica sono 475 e 49 quelli in terapia intensiva. Complessivamente dall'inizio dell'emergenza i casi totali sono 363.483 a fronte di 6.429.204 test eseguiti. I guariti sono 287.045 e i morti 7.028.

Campania

Sono oltre 30mila i casi di Covid emersi nelle ultime 24 ore in Campania. Il numero, più che raddoppiato rispetto al bollettino diffuso ieri, corrisponde alla somma dei positivi risultati tali al test antigenico (17.838) e ai positivi al tampone molecolare (12.204), mentre fino a ieri venivano comunicati i soli positivi al tampone molecolare. I test complessivamente eseguiti sono 125.665 test, di cui 77.387 antigenici e 48.278 molecolari.

Basilicata

In Basilicata sono 868 i nuovi casi di Sars Cov-2 (841 riguardano residenti), su un totale di 2.781 tamponi molecolari, e non si registrano decessi per Covid-19. Sono i dati del bollettino regionale della task force coronavirus riferito alle ultime 24 ore. I lucani guariti o negativizzati sono 246. I ricoverati per Covid-19 sono 78 (+4) di cui 2 in terapia intensiva: 41 (di cui 2 in TI) nell'ospedale di Potenza; 37 in quello di Matera. Nel complesso gli attuali positivi residenti in Basilicata sono 11.085. Per la vaccinazione, ieri sono state effettuate 5.678 somministrazioni.

Calabria

Secondo il bollettino sull'emergenza Covid-19 diffusi dal dipartimento Tutela della salute della Regione Calabria, sono 2.189 i nuovi contagi registrati (su 14.004 tamponi effettuati), +1.079 guariti e 2 morti (per un totale di 1.678 decessi). Il bollettino, inoltre, registra +1.108 attualmente positivi, +28 ricoveri (per un totale di 410) e, infine, +4 terapie intensive (per un totale di 38). 

Sicilia

In Sicilia 13.231 nuovi casi Covid e 35 decessi che fanno salire i casi totali a 470.384 e le vittime a 7.740. Gli attuali positivi sono 129.313, +10.673; i guariti 333.331, +2.523. I ricoverati con sintomi sono 1.223, 163 in terapia intensiva, 32 del giorno; 56.516 i tamponi effettuati. Tasso di positivita' pari al 23,4%

Sardegna

In Sardegna si registrano oggi 983 ulteriori casi confermati di positività al COVID, sulla base di 4518 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 24315 tamponi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 28 ( 1 in più di ieri). I pazienti ricoverati in area medica sono 216 ( 25 in più di ieri). 16778 sono i casi di isolamento domiciliare ( 312 in più di ieri). Si registrano 4 decessi: un uomo di 72 anni e uno di 84, residenti della provincia del Sud Sardegna e un uomo di 85 e un di 87, entrambi residenti nella Città Metropolitana di Cagliari. 

Terapie intensive

È stabile al 17%, in Italia la percentuale dei posti in terapia intensiva occupato da pazienti Covid (era l'11% il 24 dicembre) ma a livello giornaliero cresce in 6 regioni: Friuli Venezia Giulia (23%), Marche (22%), PA Trento (30%), Puglia (9%), Sardegna (13%), Sicilia (17%). È quanto emerge dal monitoraggio Agenas del 10 gennaio. Il tasso è in calo in Abruzzo (14%), Liguria (20%), PA Bolzano (18%), Piemonte (22%), Umbria (13%), Veneto (20%). Stabile in Calabria (18%) Campania (11%), Emilia Romagna (17%), Lazio (21%), Lombardia (16%), Toscana (20%),Val d'Aosta (18%) e, sotto il 10%, anche in Basilicata (3%) e Molise (5%).

Al 5 gennaio, sono 268 gli under 19 ricoverati in terapia intensiva per Covid, rispetto ai 263 della settimana precedente. I numeri più alti si registrano nella fascia d'età 16-19 ed in quella inferiore ai 3 anni. Lo rileva la Società italiana di pediatria (Sip). In particolare, i ricoverati in terapia intensiva nella fascia inferiore ai 3 anni di età sono 68 al 5 dicembre; nella fascia 3-5 anni sono 24; nella fascia 6-11 sono 39; nella fascia 12-15 sono 61 ed in quella 16-19 anni sono pari a 76.

Reparti Covid

A livello nazionale il tasso di occupazione di posti letto occupati da pazienti Covid nei reparti sale di 2 punti raggiungendo il 26% e, in 24 ore, il tasso cresce in 5 regioni: continua a salire in Valle d'Aosta, dove arriva al 46% e con +3% la Liguria raggiunge il 39%. Aumenta anche in: Abruzzo (24%), Basilicata (20%), Campania (25%), Emilia Romagna (23%), 
Friuli (28%), Lazio (24%), Lombardia (29%), PA Trento (21%), Piemonte (32%), Sicilia (31%), Toscana (22%), Umbria (31%), Veneto (24%). Stabili Molise (16%), PA Bolzano (16%), Calabria (al 36%), Marche (25%), Puglia (16%) e la Sardegna (12%). Questi i dati Agenas del 10 gennaio.

Leggi altre notizie sul Covid:

Zona arancione, cosa cambia: le nuove regole e le restrizioni per non vaccinati

Vaccino Covid, lo studio: "Può allungare di un giorno la durata del ciclo mestruale"

Test sierologico prima del vaccino Covid? "In futuro sarà utile". Ecco perché

L'informazione di qualità del Giorno non si ferma mai, continua a leggere comodamente a casa il nostro quotidiano digitale

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?