Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
10 giu 2022
fabrizio carcano
Sport
10 giu 2022

Calciomercato Atalanta, colpaccio Luis Suarez? La Dea pensa al Pistolero

La suggestione arriva dall'Uruguay: l'ex Barcellona è in scadenza con l'Atletico Madrid e vorrebbe giocare in serie A

10 giu 2022
fabrizio carcano
Sport
featured image
Luis Suarez
featured image
Luis Suarez

Bergamo, 10 giugno 2022 -  Un "Pistolero" per la Dea? Per ora è una suggestione che rimbalza dall’Uruguay: Luis Suarez, 35 anni compiuti a gennaio, il "cannibale" del morso all’orecchio a Chiellini nel Mondiale del 2014, una quindicennale carriera da bomber internazionale di altissimo livello, in scadenza di contratto con l’Atletico Madrid, vorrebbe giocare ancora una stagione in Europa, per garantirsi una vetrina competitiva in vista del Mondiale in Qatar, l’ultimo della carriera. E vorrebbe vivere la sua prima esperienza nella serie A italiana. Lo cerca la Fiorentina, ma ci sta facendo un pensiero anche l’Atalanta per un colpaccio low cost, essendo svincolato, che potrebbe stuzzicare la fantasia anche della nuova proprietà americana.

Premessa: l’Atalanta in questi anni non ha mai puntato su giocatori a fine carriera. Erano stati accostati ai nerazzurri negli anni scorsi Buffon, De Rossi, Mandzukic, Montolivo, Marchisio ma non c’erano mai state trattative, tranne per Buffon nel 2018.
Martedì però Gian Piero Gasperini ha parlato dell’ipotesi di alcuni innesti mirati di "top player" per alzare subito il livello della squadra. Suarez, classe 87, tre Mondiali disputati, 68 gol con la nazionale celeste, 147 nel Barcellona, 32 nell’Atletico Madrid, 69 nel Liverpool, 81 da giovane nell’Ajax, garantirebbe un impatto immediato a livello offensivo.

Due problemi: l’Atalanta non gioca le coppe europee, a differenza per esempio della Fiorentina, e poi c’è l’ingaggio troppo alto del sudamericano, oltre i 4 milioni netti, il doppio di quanto prendono Zapata e Muriel per capirci. Ma sarebbe un colpaccio, che restituirebbe una visibilità internazionale alla Dea in un anno senza le coppe europee… Difficile, ma chissà.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?