Lecco, 28 aprile 2017 – Democratici lecchesi al voto domenica per le primarie aperte a tutti i cittadini per scegliere i componenti dell' assemblea nazionale del Pd, i quali poi dovranno eleggere il nuovo segretario del partito.

DOVE e CHI VOTA – I seggi saranno aperti dalle 8 alle 22 e verranno allestiti in quasi tutti i paesi della provincia di Lecco. In Valsassina rimarranno aperti dalle 8 alle 13 a Barzio, Casargo e Pasturo, dove confluiranno anche gli elettori di Cassina Valsassina,Cortenova, Crandola, Cremeno, Introbio, Margno, Moggio, Pagnona, Parlasco, Premana, Primaluna e Taceno. Possono votare coloro che hanno compiuto i 16 anni di età che si siano siano registrati all'albo delle elettrici ed elettori del Pd e abbiano firmato la normativa sulla privacy. Gli stranieri possono votare se in possesso di regolare permesso di soggiorno o richiesta di rinnovo, esibendo la carta di identità, il permesso di soggiorno o la richiesta di rinnovo. E' richiesto un contributo di 2 euro.

COSA SERVE PER VOTARE – Per votare occorre presentare il documento d'identità e la tessera elettorale. Hanno l'obbligo di registrarsi on-line i ragazzi tra i 16 e i 18 anni, gli studenti e i lavoratori fuori sede e coloro che domenica non si troveranno nel loro Comune di residenza. Per votare si potrà barrare il nome della lista del candidato a segretario nazionale che si intende sostenere.

I CANDIDATI – Alle primarie si indicano il segretario che si vorrebbe eleggere, e, indirettamente o direttamente, anche i mille delegati all’assemblea nazionale, attraverso le liste che appoggiano i vari candidati. Il collegio di Lecco è insieme a quello di Sondrio e costituisce il collegio 10.
I sostenitori e candidati delegati per Andrea Orlando sono Veronica Tentori, Michele Castelnovo, Martina Corti, Alan Delle Coste, Laura Bartesaghi, Roberto Nigriello, Chiara Narcotini e Davide D'Occhio.
Per Matteo Renzi i candidati sono Stefano Motta, Irene Bertoletti, Gino Del Boca, Agnese Massaro, Fausto Crimella, Donatella Di Zinno, Federico Penati, Francesca Michieli.
Poiché Michele Emiliano alle primarie riservate agli iscritti non ha ottenuto i voti minimi neccessari non dispone di alcun candidato delegato.

IL MECCANISMO - Sarà il conteggio di questi delegati all'assemblea nazionale convocata per il 7 maggio a determinare chi sarà il segretario. Se uno dei tre candidati alla segreteria avrà la maggioranza assoluta del 50% dei seggi in assemblea nazionale con la sua lista sarà proclamato direttamente segretario dall’assemblea e quindi del Pd. Se nessuno dei tre candidati a diventare segretario otterrà la maggioranza, il segretario verrà eletto direttamente dai componenti dell’assemblea con un ballottaggio dei due primi classificati in termini di delegati.