Brescia, 9 ottobre 2017 - Un uomo di 30 anni bresciano: Z.N. è finito in carcere per avere annunciato tramite email la presenza di una bomba nella zona di Piazza del Duomo a Brescia. La matrice, secondo quanto scritto nel testo, sarebbe stata anarchica. Il messaggio non è stato trascurato e nulla lasciato al caso. Gli uomini della Digos, subito dopo avere letto la mail hanno effettuato un’accurata ispezione nei tombini della piazza, coadiuvati dal personale di A2a. Fortunatamente con esito negativo.

Nel frattempo i colleghi della postale hanno individuato l’intestatario dell’indirizzo di posta elettronica, risultato essere una vecchia conoscenza delle forze dell’ordine e già sottoposto all’obbligo di firma. Nei suoi confronti, difatti, c’è un procedimento penale in corso, perché con mezzo telematico attraverso l’utilizzo di un profilo Facebook faceva apologia di delitti di associazione terroristica e delitti contro la persona con la finalità di terrorismo, avendo pubblicato contenuti ed espressioni nei quali inneggiava ad azioni violente riferibili all’ideologia religiosa integralista praticata dall’Isis. In casa non gli sono state trovate armi. Il tablet con cui ha inviato il messaggio minatorio è stato posto sotto sequestro.