L'autostrada intasata
L'autostrada intasata

Busto Arsizio (Varese), 18 giugno 2019 - Pesanti disagi ieri mattina sulla A8 in direzione di Varese per un incidente che intorno alle 8.30 ha coinvolto due auto. Non ci sono state conseguenze per le persone, mentre la circolazione tra Castellanza e Busto Arsizio ha subito per alcune ore rallentamenti. Purtroppo un’altra mattinata da dimenticare, una situazione che si verifica di frequente: la Milano–Varese è tra le più trafficate. Basta anche un piccolo tamponamento a bloccare in coda le auto. Una situazione simile a quella della superstrada 336 per Malpensa dove nel tardo pomeriggio di domenica il traffico è andato in tilt a causa di un incidente con conseguente chiusura del tratto interessato. Anche in questo caso solo danni ai veicoli, mentre si sono formate lunghe code. Due arterie di primaria importanza, un asse viario da Milano a Malpensa che è il tragitto più frequentato da quanti ogni giorno da Milano devono arrivare in aeroporto o compiere il percorso inverso. Un collegamento a rischio collasso quando dal 27 luglio al 27 ottobre i voli di Linate, che sarà chiuso per lavori, saranno trasferiti a Malpensa.

Uno scenario che preoccupa i sindaci dei nove comuni del Cuv che hanno portato ai tavoli istituzionali il problema della congestione di questo asse stradale chiedendo interventi per evitare che il traffico indotto dal trasloco del Forlanini avesse conseguenze pesanti sulla direttrice A8-336. Le soluzioni decise non sembrano in grado di attutire l’impatto dell’aumento dei veicoli. Conferma la sua preoccupazione il sindaco di Casorate Sempione Dimitri Cassani che dice: «Avevamo chiesto azioni per agevolare l’uso della A4 e della Boffalora Ticino –Malpensa, in modo da alleggerire la A8 e la 336. Non possiamo dire di essere soddisfatti. Ad esempio: le agevolazioni per la A4 riguardano solo chi utilizza Telepass e arrivando a Malpensa lascia l’auto nei parcheggi in gestione da Sea. Avevamo chiesto per il Malpensa Express l’introduzione di più corse e la riduzione del costo del biglietto, ci saranno invece solo più posti, raddoppiati. Risposte che non riteniamo sufficienti per limitare i disagi che ci saranno nel nostro territorio».