Mauro Icardi
Mauro Icardi

Milano, 11 gennaio 2019 - Stavolta i social li ha usati per sfogarsi. Di solito Instagram è lo strumento con cui Mauro Icardi posta foto di se stesso e della famiglia, sovente dall'abitazione in zona San Siro a Milano, ultimamente a testimonianza delle vacanze invernali in Argentina. Il ritorno in Italia è stato però più turbolento del previsto. Dopo una multa da 100mila euro per il ritardo alla ripresa degli allenamenti e un turbinio di voci (alimentate anche dalla moglie-agente Wanda Nara) sul rinnovo di contratto non ancora firmato con l'Inter, l'attaccante è uscito allo scoperto. Prima un attacco a un articolo poco gradito sulla presunta volontà del club di indurlo a cambiare agente, poi la presa di posizione. Netta. Inequivocabile. «Ci tengo a precisare che sono molto ma molto felice e soddisfatto del lavoro che abbiamo svolto insieme finora.

Per questo sarà sempre Wanda a curare i miei e i nostri interessi fino a fine carriera – ha scritto l'attaccante nel primo di due post, aggiungendo poco più tardi – Voglio chiarire a tutti i tifosi che il mio rinnovo avverrà nel momento in cui l'Inter mi sottoporrà un'offerta corretta e concreta. Solo allora si potrà parlare di rinnovo con verità». Fino alla prima metà del messaggio si poteva leggerne un tentativo di difendere l'operato della compagna. Il riferimento alla proposta «corretta e concreta» rappresenta però una prova di un clima oggi non idilliaco con la dirigenza, alla vigilia di un incontro tra le parti previsto per la settimana prossima e al quale si arriverà non nelle condizioni migliori.

L'Inter non si muove dalle proprie posizioni riguardo alla proposta di rinnovo dell'accordo in scadenza nel 2021: nuovo termine nel 2022, 6 milioni di euro più i bonus, raggiungibili facilmente e che farebbero lievitare ulteriormente l'introito annuale del centravanti. Come ha detto di recente il direttore tecnico Piero Ausilio, tale proposta è stata presentata diversi mesi fa e nessuno ha ricevuto risposta. Non c'è alcun ultimatum, sono numeri sui quali si può trattare, ma non con le basi poste dall'entourage del giocatore e da ieri anche dallo stesso Icardi. Questo dirà il nuovo ad Giuseppe Marotta al capitano nerazzurro e alla moglie-agente. Nella speranza di trovare la quadratura del cerchio che possa accontentare entrambe le parti, dato che al momento (screzi a parte) filtra ancora la volontà di proseguire insieme. Domenica con il Benevento l'argentino dovrebbe restare fuori per lasciare spazio a chi ha giocato meno in stagione. Tornerà contro il Sassuolo, in un San Siro a porte chiuse ma probabilmente con la presenza dei bambini sugli spalti. Ieri la Figc ha dato l'ok.