Olivia Cooke e Anya Taylor-Joy
Olivia Cooke e Anya Taylor-Joy

di ILEANA DUGATO - Ci sono stati tanti sorprendenti debutti alla regia negli ultimi anni, e quello di Cory Finley nel 2017 è uno tra i più riusciti e il suo Amiche di sangue – Thoroughbreds (in streaming su CHILI), presentato al Sundance, ha riscosso subito un enorme successo. Non era scontato, anche perché la storia si è trasformata in un film in un secondo momento: Finley inizialmente l’aveva scritta per il teatro. Un po’ di lusso, tanta amicizia, un pizzico di follia e un cast assolutamente azzeccato capitanato da Olivia Cooke e Anya Taylor-Joy.

Le protagoniste di questa commedia indie che si mischia al thriller e al noir sono Amanda e Lily, due adolescenti appartenenti a ricche famiglie del Connecticut che si conoscono di vista sin dai tempi delle medie ma non hanno mai avuto un vero e proprio rapporto. Lily e Amanda non potrebbero essere più diverse: una è la studentessa modello, brava e composta, che è però costretta a vivere con la madre e il nuovo compagno, un uomo che conduce una vita agiata ma è freddo e irrequieto e non rispetta le due donne. L’altra invece è completamente chiusa emotivamente e un’apatia deriverebbe dall’omicidio del suo cavallo: ormai zoppo, lo aveva ucciso con un coltello.

È la madre di Amanda, ora sotto processo, che fa incrociare le strade delle due ragazze. Paga infatti Lily per passare del tempo con lei, per non lasciarla sola, e le due iniziano a diventare amiche. Tra battute comiche, droga e adolescenti ribelli (nel cast anche Anthony Yelchin nell’ultima apparizione prima della sua prematura scomparsa), Amiche di sangue – Thoroughbreds fa della dark comedy e dell’amicizia la sua trave portante. Anche quando dovrebbe trasformarsi in un thriller a tutto tondo, non perde quel rapporto, a tratti anche un po’ strano, tra le due giovani.

E Anya Taylor-Joy e Olivia Cooke sono perfette nei ruoli. Stile di recitazione, fisicità ed espressioni diverse le rendono l’accoppiata giusta per quello che si può anche definire un buddy movie al femminile. Quella follia culmina quando le due iniziano a pianificare l’omicidio di Mark, il patrigno di Lily. E anche qui l’abilità di Cory Finley è fare in modo che ne parlino come se fosse una semplice chiacchierata tra amiche, niente più, niente meno. È proprio vero, come molti giustamente sostengono, che Amiche di sangue è il degno erede di Heathers – con qualche tocco all’American Psycho.

E in certi casi l’apatia a cui arrivano le due ragazze è ancora maggiore di quella di Veronica. Ma alla fine, chi ha bisogno dell’empatia quando si hanno privilegi di tutti i tipi? La storia di Amanda e Lily prende di mira il vizio e il lusso suburbano degli Stati Uniti d’America, trasformandolo in qualcosa di veramente speciale e inaspettato. Amiche di sangue, già dalla sua uscita con il titolo originale Thoroughbreds, era destinato a diventare un piccolo cult, anche se molti ancora non lo conoscono. Del resto sembra proprio uno di quei film che, tra vent’anni, verrà ripescato dalle adolescenti, che lo guarderanno ossessionate definendolo un classico e riempiendo la loro camera di poster. Intanto però, per noi, è sufficiente iniziare a riscoprirlo.

Volete vedere Amiche di sangue? Lo trovate su CHILI

Scoprite altre interviste, approfondimenti e recensioni su Hot Corn!