Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
1 lug 2022
1 lug 2022

Guerra Ucraina, missili russi su un condominio di Odessa: 20 morti, tra cui 2 bambini

Colpiti un edificio di nove piani e un centro ricreativo: più di 30 i feriti. Il Cremlino: "Non attacchiamo obiettivi e infrastrutture civili" 

1 lug 2022

Almeno 20 persone sono state uccise dopo che due missili russi hanno colpito un condominio di diversi piani e un centro ricreativo nella città portuale meridionale di Odessa. E' successo nelle prime ore di oggi. Le forze armate ucraine hanno emesso un avviso esortando i residenti a cercare riparo. Tre le esplosioni, poco prima dell'una di notte. Un'ora dopo il portavoce militare di Odessa , Sergei Bratchuk, ha dichiarato sul suo canale Telegram che un "missile nemico" ha colpito la città portuale : "Purtroppo ci sono vittime", ha aggiunto. 

"Un razzo ha colpito un edificio residenziale di nove piani, e un altro in un centro ricreativo nella regione di Belgorod-Dniester", ha spiegato. I servizi di emergenza statali ucraini (SES), in prima battuta, hanno affermato che nel condominio sono morte 14 persone tra cui tre bambini e altre 30 sono rimaste ferite. Nell'attacco al centro ricreativo sono state uccise altre tre persone, anche qui tra le vittime c'è un bambino. L'attacco notturno è stato lanciato da aerei strategici Tu-22 provenienti dal Mar Nero, con tre missili X-22, lo stesso tipo di missile che ha colpito il centro commerciale di Kremenchuk.

Nelle ore successive è salito a 20 il numero dei morti nell' attacco missilistico russo . Due di loro sono bambini, mentre i feriti recuperati finora sono 38, tra cui sei bambini e fra questi due in gravi condizioni. L'attacco è avvenuto  all'indomani del ritiro russo dalla strategica isola dei Serpenti nel Mar Nero, che ha segnato un importante successo per gli ucraini. Oleksiy Arestovich, consigliere del presidente ucraino Zelensky, ha annunciato che la Russia non dovrà aspettare molto per la "risposta". Il governo tedesco ha condannato l'attacco: "Il modo crudele in cui l'aggressore russo uccide i civili e parla ancora di danni collaterali è  disumano e cinico ", ha affermato il portavoce del governo Steffen Hebestreit. "Anche la popolazione russa deve finalmente affrontare questa verità", ha aggiunto.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, invece: "Ancora una volta, vorrei ricordarvi le parole del presidente, comandante supremo in capo Vladmir Putin, secondo cui le Forze armate russe non attaccano obiettivi civili e infrastrutture civili durante le operazioni militari speciali", ha detto Peskov durante un briefing con la stampa oggi. "Allo stesso tempo, colpiscono i depositi militari, le imprese che equipaggiano e riparano l'hardware militare, i depositi di munizioni, le aree di concentrazione e di addestramento dei mercenari, compresi quelli stranieri, e gli elementi nazionalisti", ha aggiunto.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?