Karima 'Ruby' El Mahroug e Silvio Berlusconi (Ansa)
Karima 'Ruby' El Mahroug e Silvio Berlusconi (Ansa)

Milano, 17 febbraio 2020 - Su conti esteri, tra Lugano e Francoforte, riconducibili a Luca Risso, l'ex compagno di Ruby, sarebbero transitati, tra il 2013 e il 2014, oltre 400mila euro, di cui 300mila euro, stando ad un'indicazione "manoscritta" dello stesso Risso, sarebbero dovuti arrivare ad una filiale di una banca in Messico. Così un'investigatrice di polizia giudiziaria, testimoniando in aula nel processo milanese 'Ruby ter' a carico di Silvio Berlusconi e altri 28 imputati, ha riassunto l'esito di alcune rogatorie effettuate nelle indagini e i cui contenuti erano già emersi nei mesi scorsi.

In particolare, secondo quanto ricostruito in aula dall'ispettrice, da una rogatoria in una banca di Francoforte "emerge un bonifico da 25mila euro datato 2013 - la cui distinta viene trovata a casa dei genitori di Risso", spiega la testimone -, "e altri tre bonifici del 2014 in un caso abbiamo trovato la distinta", aggiunge.  Non solo: in un conto aperto in Svizzera "risultano due bonifici da 300mila e da 60mila euro", che arriverebbero da altri conti conti esteri a lui riferibili.