Omicidio Antonia Bianco a San Giuliano (Newpress)
Omicidio Antonia Bianco a San Giuliano (Newpress)

Milano, 29 agosto 2019 - Ammazzata per strada con una stilettata al cuore dal compagno che aveva lasciato. Antonia Bianco, 43enne italoargentina, madre di tre figli, è stata uccisa dal suo ex compagno Carmine Buono, idraulico 60enne, a San Giuliano Milanese il 13 febbraio 2012 con un colpo di spillo al cuore. La battaglia giudiziaria si è chiusa un anno e mezzo fa, a dicembre 2017, con la decisione della Corte di Cassazione che ha reso definitiva la condanna all’ergastolo per il killer con l’accusa di omicidio volontario e stalking. Ma la vicenda per i familiari della vittima non si è ancora conclusa del tutto. 

C'è la legge, ma da oltre un anno mancano i decreti attuativi. E gli orfani di femminicidi restano esclusi dagli aiuti promessi:  2 milioni per borse di studio e 3 milioni alle famiglie affidatarie. Il problema è che sull’erogazione delle risorse è tutto fermo e la crisi del governo M5s-Lega ha ancora una volta fermato un iter che, mai come questa volta, era vicino alla conclusione. In mezzo le famiglie affidatarie, alle prese con il dramma degli orfani speciali, privati della madre per mano del padre. Come nel caso di Assunta Bianco, la sorella minore di Antonia, uccisa dall’ex  sette anni fa. Da allora Assunta  sta lottando in tutti i modi per far riconoscere ai suoi tre nipoti (Maximiliano che oggi ha 31 anni, Florencia di 20 anni e il più piccolo Gabriele di 13 anni) tutti i diritti per poter avere una vita dignitosa dopo l’enorme tragedia che li ha segnati per sempre.

Quanto rischia di pesare la crisi di governo sulla sua battaglia?
«Per noi è una mazzata che è arrivata proprio in un momento decisivo per la nascita di un fondo per gli orfani di femminicidio. E' una vergogna perché non siamo mai stati così vicini all’approvazione di una legge importante che potrebbe dare una mano a tante famiglie colpite da tragedie come quella che ha colpito la mia e i figli di Antonia»,

In questi anni si è impegnata per assistere i figli di Antonia: è stato difficile andare avanti?
«Mia sorella ha lasciato tre figli. Per loro è stato un dramma vivere senza madre, soprattutto per il più piccolo. Ovviamente in mezzo ci sono stati dei grossi problemi di tipo economico. Non è giusto che il governo non si interessi di una questione così importante che coinvolge tante famiglie».

La vicenda giudiziaria si è conclusa con la condanna in Cassazione del killer di sua sorella: ha intrapreso altre iniziative per chiedere giustizia per Antonia?
«È chiaro che la giustizia nel caso di Antonia non ha funzionato come doveva funzionare. Le sue denunce per maltrattamenti e stalking non sono mai state prese in seriamente in considerazione dalle forze dell’ordine. Mia sorella si sarebbe potuta salvare. Resto ferma nella posizione di chiedere i danni allo Stato: qualcuno non ha fatto il lavoro nel modo corretto».

Vuole lanciare un appello al nuovo governo?
«Sì, mi auguro che il tema non finisca nel dimenticatoio e resti di attualità in Parlamento. La battaglia per gli orfani di femminicidio è una questione che non deve avere colore politico. E' una questione di civiltà, un diritto per i figli che oltre a perdere per sempre la figura materna costretti a lottare per riuscire a tirare avanti».