Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
25 gen 2022

"La sagoma che fugge non è quella dell’ex fidanzato"

In abbreviato ha parlato la difesa di Venturi, accusato di aver ucciso Carlotta Benusiglio

25 gen 2022
Carlotta Benusiglio con l’allora fidanzato Marco Venturi, imputato di omicidio
Carlotta Benusiglio con l’allora fidanzato Marco Venturi, imputato di omicidio
Carlotta Benusiglio con l’allora fidanzato Marco Venturi, imputato di omicidio
Carlotta Benusiglio con l’allora fidanzato Marco Venturi, imputato di omicidio
Carlotta Benusiglio con l’allora fidanzato Marco Venturi, imputato di omicidio
Carlotta Benusiglio con l’allora fidanzato Marco Venturi, imputato di omicidio

MILANO La "sagoma bianca" che fugge via velocemente dal parco di piazza Napoli dove dopo qualche ora verrà trovata impiccata la stilista Carlotta Benusiglio, è sull’identità di quell’ombra che si giocherà la partita decisiva per la condanna o l’assoluzione dell’ex fidanzato Marco Venturi. Non c’è "alcun elemento per sostenere non solo una sentenza di condanna, ma anche una richiesta di condanna". questa in sintesi la difesa dell’avvocato Andrea Belotti davanti al gup Raffaella Mascarino. L’avvocato ha chiesto nel processo abbreviato l’assoluzione per Venturi, imputato per aver ucciso, secondo l’accusa, la stilista di 37 anni che fu trovata impiccata con una sciarpa ad un albero nei giardini di piazza Napoli, la notte del 31 maggio del 2016. La sentenza arriverà in un’altra udienza. Lo scorso 19 novembre, il pm Francesca Crupi aveva chiesto una condanna a 30 anni per il 45enne accusato di omicidio volontario, ma anche di episodi di stalking e lesioni sull’allora compagna. Sul caso, però, pesano tre provvedimenti (gip, Riesame e Cassazione) con cui è stata respinta la richiesta d’arresto per Venturi, difeso anche dal legale Veronica Rasoli, e una perizia che stabilì che si sarebbe trattato di suicidio. Tutti elementi valorizzati dalla difesa nel corso dell’arringa: quella notte Venturi, dopo aver passato la serata con la fidanzata e aver litigato, come spesso avveniva, non entrò nel parchetto, secondo i difensori, ma tornò a casa. I legali di parte civile, gli avvocati Pier Paolo Pieragostini e Gian Luigi Tizzoni, i quali, come l’accusa, sostengono la tesi dell’omicidio e della simulazione del suicidio, avevano mostrato un frame delle immagini di una telecamera di sorveglianza nel quale, a loro dire, si vedeva la sagoma, in particolare una macchia bianca che copre il nero, che va verso l’uscita del parco poco dopo che il corpo della stilista, verso le 3.41, restava appeso ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?