Michela Vittoria Brambilla con Roberto Gagliardi e Rosanna Rampin
Michela Vittoria Brambilla con Roberto Gagliardi e Rosanna Rampin

Lecco, 3 febbraio 2018 – Punta tutto su Lecco e Merate Michela Vittoria Brambilla, parlamentare uscente di Forza Italia ed ex ministro al Turismo. Pur essendo candidata anche in altre circoscrizioni la deputata azzurra, leader del Movimento animalista, confida di poter tornare a Montecitorio grazie ai voti che spera di ottenere con la sua presenza nel collegio plurinomale Lombardia 2-02, di cui fanno parte i pasi delle provincie di Como, Sondrio e Lecco. Per questo ha inaugurato quest'oggi due sedi elettorali, una a Lecco e l'altra a Merate. “Io sono la candidata di Lecco e io sarò il parlamentare dei lecchesi”, ha ribadito tagliando il nastro tricolore dei due locali, quello di Lecco in piazza XX Settembre e quello di Merate in via Padre Paolo Arlati.

“Siamo l’unico baluardo contro la sinistra guastatrice e il rovinoso dilettantismo dei Cinque stelle”, ha spiegato lei, presentando anche le candidature in Regione di Roberto Gagliardi e Rosanna Rampin. “Punterò sugli obiettivi di maggior interesse per la nostra comunità: il completamento della Lecco-Bergamo, gli interventi urgenti per la manutenzione di strade e cavalcavia, il rilancio del turismo modernizzando l’offerta ed attraverso incentivi specifici, più controlli delle forze dell'ordine nelle stazioni ferroviarie e negli altri luoghi sensibili”, ha aggiunto proprio il 26enne Roberto Gagliardi.

“A gestire la corsa fino al giorno della verità è chiamato un comitato elettorale guidato da Davide Bergna, coordinatore provinciale di Fi, e composto da Adriana Rossi, Mario Passador, Vanessa Lucernini, Antonio Conrater, Oscar Arigoni, Giuseppe Marino, Ruggero Riva, Silvana Redaelli, Enzo Patuzzi, Sergio Porta, Olivo Valsecchi, Carlo Pelucchi – ha proseguito Michela Vittoria Brambilla -. Sarà loro compito organizzare una campagna che, partendo dalle sedi di Lecco e Merate, inseguirà gli elettori porta a porta e li coinvolgerà con incontri, banchetti, azioni di marketing politico e distribuzione di materiale elettorale”.