Carabinieri
Carabinieri

Pescate (Lecco), 23 febbraio 2020 – Un carabiniere per evitare di essere travolto insieme al collega di pattuglia ha esplodo alcuni colpi di pistola, uno dei quali è andato a segno, ferendo un marocchino di 38 anni al volante di una Fiat Panda che li stava puntando per investirli. Lo ha colpito ad una coscia, ma il 38enne ha ugualmente proseguito la fuga. In auto con lui c'era anche un sudamericano di 20 anni.

I due sono stati poi finalmente bloccati a Pescarenico a Lecco. Sono stati entrambi arrestati con l'accusa di tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale: il ferito, che è un pluripregiudicato, è piantonato a vista all'ospedale Alessandro Manzoni dove forse domani verrà operato per rimuovere il proiettile camiciato calibro 9 esploso dalla Beretta semiautomatica d'ordinanza del militare, l'altro è in carcere. I due sono stati intercettati a Dolzago, dove hanno forzato un primo posto di controllo, per poi continuare la folle corsa fino a Pescate, dove altri due carabinieri di Olginate li hanno attesi al varco allestendo un altro posto di blocco con la gazzella di servizio di traverso sulla provinciale e loro accanto per intimare l'alt. Nonostante la strada sbarrata il marocchino alla guida ha premuto sul pedale dell'acceleratore con l'obiettivo di schiantarsi addosso agli uomini in divisa, uno dei quali ha premuto il grilletto: il proiettile ha forato e oltrepassato la carrozzeria dell'utilitaria, perdendo velocità e potenza fino a piantarsi nella gamba del guidatore, che però è riuscito con il complice a proseguire ancora fino a Lecco, dove i due hanno tentato di dileguarsi nel nulla a piede, salvo essere subito circondati e bloccati.

Il 38enne è stato soccorso dai sanitari del 118 con i volontari della Croce rossa, mentre il sudamericano è stato trasferito in caserma e poi nella casa circondariale di Pescarenico. Sulla vicenda sono ancora in corso le indagini per comprendere i motivi della fuga. Probabilmente i due stavano trasportando droga e spacciando.