Quotidiano Nazionale logo
8 mag 2022

Violenta grandinata in Sardegna: strade imbiancate da grossi chicchi

Ondata di maltempo sull'isola, in particolare nel Sud delle regione. Allerta meteo della Protezione civile

La Sardegna è stata colpita in queste ore da una violenta ondata di maltempo. In particolare a essere interessata è stata l'area meridionale dell'isola. Sulla regione è scattata l'allerta delle Protezione Civile, prorogata fino alla mezzanotte di oggi. Dal primo pomeriggio di oggi, domenica 8 maggio, temporali e fulmini si sono abbattuti sul Cagliaritano e sul Campidano. Un intenso fenomeno atmosferico si è verificato a Mandas, a una sessantina di chilometri dal capoluogo sardo. Qui le nuvole hanno scaricato grandi quantità di chicchi di grandine che hanno invaso le campagne e le strade. Poi è arrivata la pioggia che ha trasformato le vie del paese in fiumi d'acqua e ghiaccio. Ancora da valutare eventuali danni a immobili e auto e alla colture.

"Con la Giunta stiamo abbiamo seguito la situazione del nubifragio e della violenta grandinata ha interessato Mandas e le sue campagne - spiega il sindaco Umberto Oppus - Ho convocato l'esecutivo per domani alle 15.30 per deliberare lo stato di calamità naturale e fare la conta dei danni alle colture agricole". Grandine anche sulla statale 128 tra Mandas e Isili, dove la circolazione delle auto è stata rallentata dal manto bianco che ha coperto l'intera area, quando manca poco più di un mese dall'inizio ufficiale della stagione estiva. La situazione meteo dovrebbe però migliorare nelle prossime 24/ 48 ore

"Nei primi due giorni della nuova settimana- affermano i meteorologi Meteo Expert- la depressione influenzerà più direttamente la Sicilia ma con episodi di instabilità ancora possibili nelle zone interne peninsulari e della Sardegna, lunedì anche nelle Alpi centro-orientali e attorno all`Appennino settentrionale. In tutto il Paese si assisterà ad un graduale rialzo delle temperature. Da mercoledì un anticiclone determinerà una fase di tempo stabile e di temperature estive (particolarmente sulle regioni centro settentrionali)".  

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?