Ciofani ha segnato il primo gol stagionale con la Salernitana
Ciofani ha segnato il primo gol stagionale con la Salernitana

Cremona, 19 novembre 2019 - Sta entrando nel vivo la preparazione della Cremonese. I grigiorossi si stanno allenando al Centro Arvedi per farsi trovare pronti ad un appuntamento di particolare significato come l’anticipo di venerdì sera (fischio d’inizio alle 21) in casa del Pescara.

Un confronto ricco di motivi di interesse (compreso il duello tutto in famiglia tra i fratelli Ciofani, il maggiore, Daniel, ex di turno e attaccante cremonese e il minore, Matteo, difensore biancazzurro), ma anche di indubbio rilievo per la squadra di Marco Baroni, che nel 2014/2015 ha allenato gli abruzzesi, venendo esonerato ad una giornata dalla fine dopo avere raggiunto i play off. Dopo avere preso una fondamentale boccata d’ossigeno battendo la Salernitana, in casa di una rivale di indubbia caratura come il Pescara la formazione grigiorossa deve dimostrare di essere uscita definitivamente dal periodo difficile e di essere pronta a mettere in mostra (finalmente) tutto il suo valore. Viste le opposte intenzione degli abruzzesi un compito di questo genere non si preannuncia affatto semplice, ma la Cremonese ha le carte in regola per riuscire a ripartire centrando quella che sarebbe la seconda vittoria consecutiva. In questo senso notizie positive giungono anche dalla salute del gruppo, che, a parte qualche problema per l’influenzato Ravanelli, vede lavorare a parte solo Piccolo.

Il trequartista ha accusato un’elongazione al quadricipite nei giorni che hanno fatto seguito al match vinto di misura con i campani ed è tornato a seguire un lavoro personalizzato in quella che per lui non si sta certo rivelando una stagione fortunata. Per il resto tutti i componenti della rosa (compreso il rientrante Mogos, carico a dovere per avere esordito nella sua nazionale) sono pronti a rispondere alla chiamata di mister Baroni, che in questa sosta ha cercato di “plasmare” ulteriormente la sua squadra. Il punto fondamentale della questione riguarda ancora il modulo che valorizza meglio le caratteristiche del gruppo. Durante la gestione-Rastelli il 3-5-2 è stato visto come “l’abito” ideale per Claiton e compagni. Una situazione che si è protratta anche con l’arrivo di Marco Baroni che, però, sembrerebbe maggiormente orientato verso la difesa a quattro. Un passaggio di questo genere, però, non è ancora avvenuto in modo completo e in questo senso, dopo il lavoro svolto durante la sosta, sono in molti a guardare con una certa curiosità per vedere quale sarà l’atteggiamento tattico sul quale punterà la Cremonese per tornare dall’Adriatico con i punti e la prestazione che occorrono per ribadire che la compagine grigiorossa è definitivamente guarita e può risalire verso le posizioni che le competono.