Polizia
Polizia

Crema, 26 giugno 2018 - Tre ore di terrore per una famiglia di Crema, nella notte da sabato a domenica. La villa dove abita, a San Bartolomeo dei Morti, in via Piacenza, alla periferia di Crema, è stata presa d’assalto da quattro banditi, presumibilmente stranieri dell’est Europa che hanno tenuto in ostaggio le tre persone mentre cercavano soldi e preziosi, che alla fine hanno trovato. Tutto questo filmato dalle telecamere della villa, le cui registrazioni ora sono nelle mani della polizia di Crema. 

L’assalto è cominciato intorno alle 22 di sabato sera. Quattro banditi hanno impegnato via Macallè, sono passati da una strada vicinale e hanno lasciato l’auto nascosta tra gli alberi. Quindi, a piedi, hanno attraversato un campo e sono giunti sul fronte ovest della villa padronale dove abita una famiglia, padre di 65 anni, commerciante notissimo in città, madre di 59 e figlio di 32. I banditi hanno scavalcato la recinzione, sono saliti al primo piano e penetrati nell’abitazione dalla finestra, alzando la zanzariera. Hanno trovano i tre intenti a guardare la televisione e lì è cominciato l’incubo. I banditi, travisati, hanno detto chiaramente quel che volevano, incontrando le resistenze del padre, che hanno fiaccato subito assestandogli un pugno in pieno volto e poi mostrando il calcio di una pistola. I tre abitanti della casa sono stati sistemati in un angolo dell’abitazione e i banditi hanno cominciato a frugare dappertutto, chiedendo al padre di indicare dove tenesse la cassaforte. Sembra che a un certo punto l’uomo abbia ceduto e aperto la cassaforte, dando modo ai banditi di prelevare quel che c’era dentro, pare gioielli e orologi di valore. Ma la rapina non è terminata in pochi minuti, perché i malviventi, non contenti, hanno continuato a cercare, mettendo a soqquadro le stanze, incuranti del tempo che passava. Peraltro la casa è dotata di un impianto d’allarme, che però non era stato inserito, in quanto nell’abitazione c’era la famiglia. 

La perquisizione della casa da parte dei banditi è andata avanti per circa tre ore e verso l’una di notte i malviventi hanno deciso che poteva bastare e se ne sono andati dalla parte dalla quale erano arrivati. Quando la famiglia ha capito di essere rimasta sola, ha chiamato la polizia che ha mandato sul posto una volante, seguita da un’ambulanza che ha portato al pronto soccorso il padre e la madre. Il primo è stato medicato per le ferite riportate a causa del pugno subito, mentre la donna ha accusato un malore. Ieri mattina nella villa sono arrivate la squadra mobile di Cremona e la Scientifica per la ricerca di impronte e tracce utili al riconoscimento dei banditi. In corso di accertamento l’ammontare del valore dei preziosi rapinati. La villa era già stata presa d’assalto anni fa, quella volta però di giorno e anche in quell’occasione il bottino fu ingente.