Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
29 mar 2022

Bergamo-Tenerife, dal mojito alle manette: vacanze finite per il latitante

Il trentottenne era fuggito da Bergamo per non scontare sei anni e otto mesi

29 mar 2022
f.d.
Cronaca
epa08722205 Former ETA terrorist group member Ekhibe Eizaguirre is arrested by Guardia Civil agents in Zarautz, Basque Country, northern Spain 05 October 2020. Eizaguirre has been arrested for allegedly being responsible of a 'zulo' (hidden place containing explosives, detonators and timing devices) that was found randomly by a citizen in June 2019 in the Basque village of Atauri.  EPA/Juan Herrero
Guardia civil
epa08722205 Former ETA terrorist group member Ekhibe Eizaguirre is arrested by Guardia Civil agents in Zarautz, Basque Country, northern Spain 05 October 2020. Eizaguirre has been arrested for allegedly being responsible of a 'zulo' (hidden place containing explosives, detonators and timing devices) that was found randomly by a citizen in June 2019 in the Basque village of Atauri.  EPA/Juan Herrero
Guardia civil

Bergamo, 30 marzo 2022 - ​Probabilmente pensava che la giustizia si fosse dimenticato di lui. Ma aveva fatto male i suoi calcoli, visto che settimana scorsa gli uomini della Guardia Civil lo hanno arrestato. Si tratta di un 38enne, italiano, latitante da un circa un anno e per questo motivo era ricercato. È stato intercettato nella città di Arona dell’isola di Tenerife (Spagna), dove si stava godendo il sole e il mare. L’uomo era destinatario di un ordine di carcerazione che aveva reso esecutive a suo carico plurime sentenze di condanna per un cumulo di pena complessivo di 6 anni e 8 mesi di reclusione. Le operazioni sono state coordinate dall’Ufficio esecuzioni penali della procura di Bergamo che nel mese di novembre del 2021 aveva emesso un Mae (mandato di arresto europeo) nei confronti del fuggitivo. L’uomo, pregiudicato per reati contro il patrimonio, la persona e delitti contro l’amministrazione della giustizia, lo scorso mese di luglio si era reso irreperibile, qualche giorno prima dell’esecutività della condanna. Alla cattura del ricercato, che ha diversi precedenti, si è arrivati attraverso una complessa ed articolata attività investigativa svolta dal Comando del nucleo operativo della Compagnia carabinieri di Treviglio, che ha consentito di ricostruire la fuga del 38enne e individuarne il luogo del nuovo domicilio nell’isola spagnola, ove sperava di vivere nell’anonimato. 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?