Ruslan Malinovskyi
Ruslan Malinovskyi


Bergamo, 23 maggio 2021 -  All’Atalanta serve ancora una vittoria. L’ultima. Stasera al Gewiss Stadium (ore 20,45, diretta su SkySport) la Dea vuole concludere nel modo migliore un’annata quasi perfetta, un’annata straordinaria, come l’ha definita ieri Luca Percassi, l’amministratore delegato nerazzurro. Serve un’ultima vittoria, contro il Milan costretto a fare risultato per non farsi scavalcare dalla Juventus nella volata per la Champions.
Serve una vittoria per mantenere quel secondo posto mai raggiunto nella storia nerazzurra, ritoccando anche il record di punti arrivando a quota 81.
Atalanta a quota 78 punti: in caso di sconfitta confermerebbe i punti della scorsa stagione, con un pareggio migliorerebbe salendo a quota 79 ma quasi certamente concluderebbe terza, come nelle ultime due stagioni, scavalcata dal Napoli.
Per questo serve vincere, anche per incassare i 5,2 milioni che ballano tra il secondo posto, che fa incamerare 19,4 milioni, e il quarto che ne vale 14,2.

Per tutte queste ragioni la squadra di Gian Piero Gasperini giocherà questa partita come una finale, schierando i titolari, con il tridente offensivo con l’ucraino Malinovskyi, sette gol e nove assist negli ultimi due mesi, nominato miglior giocatore della serie A nel mese di maggio, a giostrare alle spalle dei due bomber colombiani, Luis Muriel e Duvan Zapata, 37 gol in due.
Indisponibile Hans Hateboer per un fastidio alla caviglia: sulla fascia destra giocherà il danese Joakim Maehle con Gosens a sinistra e la coppia di mediani De Roon-Freuler, mentre dietro la Dea dovrebbe mettersi a tre con Toloi, Romero e Djimisiti a proteggere la porta presidiata da Gollini che nei minuti finali dovrebbe lasciare spazio al 30enne portiere lecchese Francesco Rossi, da cinque anni fidato e silenzioso terzo portiere nerazzurro.







Atalanta (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Romero, Djimisiti; Maehle De Roon, Pasalic, Gosens; Malinovskyi; Muriel, Zapata.
All. Gasperini