Sesto San Giovanni (Milano), 1 maggio 2017 - Hockey su ghiaccio, calcio, pattinaggio artistico, pallavolo, bocce paralimpica, basket, atletica, rugby, nuoto, tennis, ping pong e arti marziali. Tutte – o quasi – le discipline in città per il programma “Sesto Sport”, che vede come promotori i Diavoli Sesto. «L’idea è far conoscere le eccellenze del nostro territorio – ha spiegato il presidente del club Antonio Romeo, ieri mattina al palazzetto del ghiaccio -. Con questo progetto vogliamo fare qualcosa per la città insieme agli altri club». Ieri mattina, sulla pista del PalaSesto, è così andato in scena un torneo dedicato ai bambini della categoria under 8. «Questo per noi è il momento zero, dopo un anno e mezzo di lavoro – ha confessato Romeo -. Per la prima volta abbiamo organizzato un torneo a 8. la squadra più lontana arriva da Bolzano. Entrare qui oggi (ieri, ndr) è come fare ingresso in una grande festa tra gonfiabili, sponsor, angoli ristoro e attività».

A oggi il progetto “Sesto Sport” vede già tre date in programma. Il primo evento è fissato per il 23 settembre e si terrà allo stadio Breda, con l’apertura anche degli spazi del tennis club e della pista di atletica. «Vogliamo creare dei campus in perfetto stile americano – ha annunciato Romeo -. Quindi ci saranno gli stand delle diverse associazioni sportive cittadine, che potranno promuoversi e organizzare delle esibizioni». Il secondo appuntamento è in programma il 21 ottobre allo Spazio Mil, che sarà la cornice di una serie di conferenze dedicate alla salute, al benessere e alla prevenzione. Oltre ai laboratori sportivi, ci saranno infatti anche professionisti dell’ospedale di Sesto, Multimedica, Istituto dei Tumori e Neurologico Besta. Hanno dato l’adesione anche la Lilt e l’associazione Il sorriso nel cuore. Infine, a novembre si terrà una giornata al PalaSesto con stand, esibizioni, un percorso interattivo, workshop.

«L’obiettivo è far conoscere le realtà sportive sestesi, metterle in rete e attivare collaborazioni anche con le onlus del territorio. Daremo attenzione anche al mondo delle scuole». Tra i primi a raccogliere l’invito dei Diavoli Sesto è stato Gabriele Albertini, presidente della Pro Sesto. «Abbiamo deciso di accogliere subito con grande entusiasmo questa iniziativa, perché si sposa perfettamente con la nostra filosofia – ha commentato il patron del club biancoceleste -. Anche noi stiamo infatti sviluppando diversi progetti e aprendo le porte dello Stadio Breda a tutte le realtà sportive e non del territorio. Solo pochi giorni fa abbiamo ospitato una kermesse di football americano».