Milano, 31 dicembre 2017 - Bicchiere mezzo pieno. Sempre e comu-nque. Anche contro chi, invece, ha visto una Inter in nettà difficoltà contro la Lazio: «Abbiamo giocato con la mentalità corretta, abbiamo provato tutto per vincerla - le parole di Luciano Spalletti - come poteva vincerla la Lazio poteva vincerla l’Inter. Serviranno tanti punti, servirà affrontare le partite con una convinzione e una mentalità giusta come quella di oggi». Il tecnico della Lazio, Simone Inzaghi, ha ribadito però di aver perso due punti: «Io potrei dire lo stesso, potrei dire diversamente - filosofeggia il tecnico dell’Inter - quello che mi interessa è che la squadra abbia fatto una buonissima partita. Abbiamo avuto le loro stesse occasioni, ricordo le parate di Strakosha su Borja Valero e sul rigore in corsa di Perisic. Ma mi interessa poco ribattere ai pensieri di altri».

L’Inter, numeri alla mano, è una squadra di valore: «Abbiamo 41 punti, firmerei per farne altri 41 – precisa ancora Luciano Spalletti, che vede una squadra in palla al giro di boa del campionato – se siamo siamo arrivati qui con questo gruppo, questo gruppo ci tirerà fuori da questo periodo un po’ così». Elogi a Perisic («Poteva far gol con un colpo di testa, ma nonostante questo ha fatto vedere nuovamente il gran calciatore che è») e gufate a chi vuole una Inter alla deriva: «Quando perdi 2 o 3 partite ed esci dalla Coppa Italia è chiaro che chi ti augurava del male e di tornare alle abitudini degli anni precedenti, viene fuori. Io non sono ottimista, ma so che ad essere pessimisti non si fa mai risultato».

Per uno Spalletti che evita di parlare di mercato, c’è un Piero Ausilio che invece approfitta della gara per chiarire alcune delle notizie uscite di recente. Come, ad esempio, quella che vedrebbe i nerazzurri in corsa per il difensore De Vrij; che, in scadenza di contratto a giugno 2018, potrebbe anche arrivare a cifre molto contenute: «Ho visto Tare (ds della Lazio, ndr) e gli ho fatto gli auguri. Il rapporto tra noi e le società è cordialissimo ma non sono queste le occasioni per parlare di mercato», ha tagliato corto il direttore sportivo nerazzurro. Che non si espone nemmeno su tematiche come Deulofeu e Vidal, che potrebbero arrivare in prestito: «Stiamo valutando delle opportunità – precisa ancora il ds – ci guardiamo in giro. Sul mercato sappiamo di poter trovare qualcosa che non abbiamo, vedremo se saranno operazioni realizzabili». Chiusura su Joao Mario, la cui permanenza in nerazzurro pare assicurata: «Lo ha detto Spalletti, è al 100% dell’Inter – conclude Ausilio – così come abbiamo detto di Cancelo. Nessuno dell’Inter ha chiesto di andare via».