Corsico, 2 giugno 2018 – Non ce l’ha fatta Simone Mascolo, il 17enne che sabato 19 maggio è stato ripescato dalle acque del canale Muzza dopo essere stato trascinato dalla corrente per centinaia di metri: il suo cuore ha smesso di battere. Dopo giorni di agonia, dopo aver lottato per restare aggrappato alla vita, ieri notte la tragica notizia. La famiglia è corsa al suo capezzale, all’ospedale di Bergamo, dove il giovane era ricoverato da quel drammatico sabato pomeriggio. Un giorno che avrebbe dovuto essere un momento di festa e che invece si è trasformato in tragedia.

Era sabato 19 maggio quando Simone, insieme ad alcuni coetanei, era partito da Corsico per festeggiare i 18 anni di un amico all’Isola Borromeo di Cassano D’Adda. Qui, sulle sponde della Muzza la tragedia: entrato in acqua il giovane è stato risucchiato dalla corrente. Per oltre mezz’ora si sono protratte le ricerche poi il corpo del ragazzo è stato visto ad Albignano, nelle griglie di una centralina elettrica. Tratto in salvo le sue condizioni sono parse dubito disperate.