Gasp si affida ai fedelissimi. Ma tuona sul calendario

Stasera il Milan, mercoledì il recupero con l’Inter al Meazza poi il Bologna. Tour de force per la Dea: "La programmazione delle gare? Un pasticcio".

Gasp si affida ai fedelissimi. Ma tuona sul calendario

Gasp si affida ai fedelissimi. Ma tuona sul calendario

Prima il Milan. Poi tre giorni dopo l’Inter. Lo snodo stagionale dell’Atalanta, tornata quinta dopo la vittoria del Bologna nell’anticipo contro il Verona, passa da un’inedita doppia trasferta ravvicinata a San Siro. Stasera i rossoneri, mercoledì i nerazzurri. Solita regola per la Dea, nessun turnover e si pensa ad una partita alla volta. Tutte le energie sono rivolte solo al Milan, da domani testa all’Inter, da giovedì testa al Bologna che domenica sarà di scena al Gewiss Stadium. Poi ci sarà l’Europa League a Lisbona. Sei partite toste in ventidue giorni decisivi per l’Atalanta. Che arriva al Meazza con il vento in poppa, dopo una striscia aperta in campionato di sei vinte e una pareggiata, dopo un ciclo di undici vittorie in tredici partite, dopo aver battuto due volte su due il Milan negli ultimi due mesi, il 9 dicembre per 3-2 al Gewiss Stadium all’andata in campionato, con il gol decisivo di Muriel di tacco al 94’, e poi un mese dopo al Meazza in Coppa Italia per 2-1 con doppietta di Koopmeiners. Ora la Dea cerca il tris, con l’organico al completo con il recupero del cannoniere Lookman tornato a disposizione dopo oltre un mese: nella sua ultima presenza l’anglo nigeriano decise con una sua rete la sfida contro il Lecce.

Era il 30 dicembre, poi la lunga assenza per la Coppa d’Africa e una caviglia distorta nella finale persa contro la Costa d’Avorio. Probabilmente non sarà titolare. Gasperini dovrebbe affiancare all’intoccabile ex di turno Charles De Ketelaere l’imprevedibile russo Miranchuk, che con le sue giocate ha fatto male alla difesa rossonera negli ultimi due incroci. L’alternativa sono i 195 centimetri di Scamacca, assente a dicembre per infortunio.

"Vediamo, siamo in tanti. E tutti sono importanti, gioca chi sta meglio" è il mantra di Gasperini. Che ha borbottato contro la decisione di fissare il recupero contro l’Inter mercoledì e non nelle scorse settimane, intasando il calendario atalantino. "È stato fatto un pasticcio sul calendario per via della SuperCoppa, ma è qualcosa che non possiamo cambiare e dobbiamo adattarci subito. In questa asimmetria del calendario abbiamo una serie di partite importanti da affrontare. Non è una cosa normale e se un simile calendario lo avesse avuto un’altra squadra immagino che polemiche ci sarebbero state". Dea che ha tante alternative in ogni ruolo, con il trio difensivo Djimsiti-Scalvini-Kolasinac favorito sui recuperati Toloi e Hien, con Holm e Ruggeri favoriti su Zappacosta, Hateboer e Bakker per i due ruoli da esterni. In mezzo dovrebbe giocare la coppia di mediani De Roon-Ederson, con l’ex altro Pasalic pronto per la ripresa, con Koopmeiners da trequartista.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su