I carabinieri sul luogo del delitto
I carabinieri sul luogo del delitto

Sesto San Giovanni (Milano), 22 giugno 2018 - Per l'omicidio di Federico Megna, il 48enne morto ieri sera all'ospedale San Raffaele di Milano dopo essere stato accoltellato a Sesto San Giovanni e per il ferimento di altri due italiani raggiunti da fendenti, la Procura di Monza ha sottoposto a fermo Calogero Diana, 58enne titolare di una ditta di autodemolizioni in città e pregiudicato.

Secondo le indagini eseguite congiuntamente da carabinieri e polizia, il 58enne ha aggredito i tre uomini dopo una lite per futili motivi davanti a un bar che si trova poco distante dal cortile di via Marx dove Megna è stato trovato agonizzante e dove si era recato dopo il ferimento per raggiungere l'abitazione della madre. L'identificazione dell'indiziato sarebbe avvenuta grazie alle telecamere nei pressi del bar e le testimonianze di alcuni avventori. Condotto stamane dai carabinieri in Procura a Monza,  Calogero Diana è stato interrogato dal pm Alessandro Pepe. "Ho agito per legittima difesa riuscendo a strappare di mano il coltello agli aggressori", ha sostenuto Diana davanti al magistrato, che ora chiederà la convalida del fermo al gip del tribunale di Monza.