Quotidiano Nazionale logo
11 ago 2021

Ferragosto lungo il Po: alla scoperta del Mississippi padano

Partirà da Viadana la motonave di Giuliano Landini per un’escursione di sette ore

dipaolo galliani
Cosa Fare
featured image
Crociera fluviale lungo il Po

Mantova - La cornice non è certo quella della costa mediterranea e il timing la dice già lunga: 6-7 ore di navigazione, soste comprese, non fanno certo una vacanza. Insomma, è una crociera fluviale, roba di un intero pomeriggio, nulla più. Ma il Po è e resta il vero Mississippi padano, un’autostrada d’acqua che può fare volare l’immaginazione. E un Ferragosto affidato al mestiere e alla cortesia del capitano Giuliano Landini a bordo della sua elegante motonave è comunque un’ottima opzione per una gita fuori porta nel giorno più gettonato dell’estate, senza allontanarsi troppo da Milano, Bergamo o Brescia. Abitualmente ormeggiata sulla sponda emiliana del "grande fiume" (al porto di Boretto), il 15 agosto la bella "Stradivari" varata nel 1976, con un ampio ponte sole/luna e una capienza potenziale di 400 passeggeri, proporrà un’escursione crocieristica con partenza dal porto lombardo di Viadana alle 11,30, direzione Casalmaggiore (costo: 75 euro. Prenotazione obbligatoria al 333.3616208 o navigazionefiumepo@gmail.com), lungo un tratto del Po particolarmente interessante dal punto di vista naturalistico. Pranzo a bordo sull’invitante Terrazza Panoramica con specialità delle due sponde come il melone dop viadanese abbinato al crudo di Parma, i tortelli verdi alle erbette, il medaglioncino di vitello all’aceto balsamico e l’inevitabile torta Sbrisolona.

Nel pomeriggio , la motonave effettuerà una sosta a Casalmaggiore per dare la possibilità ai passeggeri di sbarcare e visitare il vecchio borgo dominato dalla maestosa piazza Garibaldi e dal suo "Listone" (ampio pavimento lastricato in marmo bianco) ma anche il curioso Museo del Bijou dedicato alla produzione di bigiotteria che in passato aveva reso popolare questo grosso centro del Mantovano, noto anche come "Il Regno dell’oro matto", con i suoi 20mila pezzi fra collane, anelli, orecchini prodotti tra fine ‘800 e 1970. Rientro alle 18 a Viadana. E, per il gran finale a Mantova, con un’infinità di locali deliziosi dove cenare. Tra gli altri, l’Osteria delle Erbe di Piazza delle Erbe (0376.225880), dove sono canoniche le degustazioni di tortelli di zucca e "riso alla pilota", piatti iconici di una capitale dei Gonzaga che fra meno di un mese (8-12 settembre) sfamerà i presenti con i "saperi umanistici e scientifici" di una nuova e strepitosa (la 25esima) edizione del Festival della Letteratura.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?