Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
27 lug 2022
27 lug 2022

Covid, l'origine? Il mercato di Wuhan in Cina: la conferma in uno studio internazionale

Nessuna fuga dai laboratori, il virus è partito dagli animali vivi 

27 lug 2022
(FILES) This file photo taken on June 20, 2020 shows vendors waiting for customers at their stall selling frozen meat and seafood balls at a market in Beijing. - The chances that Covid-19 emerged in Wuhan because of imported frozen food are "very low", international health experts said March 29, 2021, casting doubt on one of the main theories China has embraced for the cause of the first coronavirus outbreak in late 2019. (Photo by NICOLAS ASFOURI / AFP)
Il mercato di Huanan a Wuhan da dove sarebbe partita la pandemia
(FILES) This file photo taken on June 20, 2020 shows vendors waiting for customers at their stall selling frozen meat and seafood balls at a market in Beijing. - The chances that Covid-19 emerged in Wuhan because of imported frozen food are "very low", international health experts said March 29, 2021, casting doubt on one of the main theories China has embraced for the cause of the first coronavirus outbreak in late 2019. (Photo by NICOLAS ASFOURI / AFP)
Il mercato di Huanan a Wuhan da dove sarebbe partita la pandemia

Il Covid? Nessuna fuga dai laboratori,   il virus  è partito dagli animali vivi venduti nel mercato di Wuhan, in Cina, alla fine del 2019. E' la conclusione a cui sono approdati gli autori degli studi pubblicati in 2 articoli sulla rivista Science. L'analisi coordinata dal professor Michael Worobey - direttore del Dipartimento di ecologia e biologia dell'università dell'Arizona - ha coinvolto esperti di diverse nazionalità e ha prodotto i testi che escludono di fatto ogni ipotesi alternativa per l'origine della pandemia. Secondo gli autori, il passaggio del virus dagli animali all'uomo si è prodotto in due eventi distinti, nel mercato di Huanan.

Lo studio, analisi spazio temporale

In uno di questi studi, scienziati di tutto il mondo hanno utilizzato strumenti di mappatura e rapporti sui social media per eseguire un 'analisi spaziale e ambientale. Gli esperti suggeriscono che, sebbene le "circostanze esatte rimangano oscure", il virus era probabilmente presente negli animali vivi venduti al mercato alla fine del 2019. Gli animali erano tenuti vicini e avrebbero potuto facilmente scambiarsi i germi. Tuttavia, lo studio non determina quali animali potrebbero essere stati malati. I ricercatori hanno determinato che i primi casi di Covid-19 sono apparsi a l mercato tra i venditori che vendevano questi animali vivi o tra le persone che facevano acquisti lì. Credono che negli animali circolassero due virus separati che si sono riversati nelle persone. "Tutti gli otto casi di Covid-19 rilevati prima del 20 dicembre provenivano dal lato occidentale del mercato, dove venivano vendute anche specie di mammiferi", afferma lo studio. I ricercatori hanno poi mappato i primi casi che non avevano alcun collegamento con il mercato, osservando che le persone contagiate vivevano o lavoravano nelle immediate vicinanze del mercato . "Questa è un'indicazione che il virus ha iniziato a diffondersi nelle persone che lavoravano al mercato, per poi passare alla comunità locale circostante, quando i venditori entravano nei negozi locali, contagiando chi lavorava in quei negozi", ha detto Michael Worobey, capo del dipartimento di Ecologia e Biologia Evolutiva presso l'Università dell'Arizona, uno degli autori dello studio.

Lo studio, approccio molecolare

L'altro studio adotta un approccio molecolare. La prima versione del coronavirus, secondo questa ricerca, probabilmente era disponibile in forme diverse che gli scienziati hanno chiamato A e B. I ricercatori suggeriscono che la prima trasmissione da animale a uomo è avvenuta probabilmente intorno al 18 novembre 2019 e proveniva dal lignaggio B. Hanno trovato il tipo di lignaggio B solo nelle persone che avevano un collegamento diretto con il mercato di Huanan. Gli autori ritengono che il lignaggio A sia stato introdotto negli esseri umani da un animale entro settimane o addirittura giorni dall'infezione dal lignaggio B. Il lignaggio A è stato trovato in campioni di esseri umani che vivevano o sono rimasti vicino al mercato. "Questi risultati indicano che è improbabile che Sars-CoV-2 sia circolato ampiamente negli esseri umani prima di novembre 2019", si spiega nello studio.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?