Bollettino Covid Italia e Lombardia del 21 settembre
Bollettino Covid Italia e Lombardia del 21 settembre

Milano - Oggi in Italia sono 3.377 i nuovi casi e 67 i decessi registrati nelle ultime 24 ore. Come emerge dal bollettino del Ministero della Salute prosegue il calo della curva epidemica. I nuovi contagi sono 3.377, contro i 2.407 di ieri ma soprattutto i 4.021 di martedì scorso, a conferma di un trend settimanale intorno al -15%. I tamponi sono 330.275, 208 mila più di ieri, tanto che il tasso di positività si è dimezzato, passando dal 2% all'1%. I decessi sono 67 (ieri 44), ma con 23 recuperi della Sicilia riferiti ai giorni precedenti, per un totale di 130.421 vittime dall'inizio dell'epidemia. In discesa i ricoveri: le terapie intensive sono 7 in meno (come ieri) con 38 ingressi del giorno, e scendono a 516, mentre i ricoveri ordinari sono in calo di 45 unità (ieri erano aumentati di 53), e sono 3.937 in tutto.  In isolamento domiciliare 105mila pazienti mentre erano 6.308 le persone dimesse o guarite. Le regioni con più casi odierni sono la Sicilia, comunque in netto calo (+492), seguita dalla Lombardia, che invece rallenta nella discesa (+472), il Veneto (+457), il Lazio (+301) e l'Emilia Romagna (+280).


 

"Non ci fermiamo, andiamo avanti. Ora lo sforzo per l'ultimo miglio"

La campagna vaccinale

In Italia ieri sono partite le somministrazioni delle terze dosi. Come detto dal commissario straordinario Francesco Figliuolo si tratta dell'ultimo miglio della campagna vaccinale: una fase decisiva per la gestione della pandemia in Italia. "Oggi siamo a oltre 41.270.000 inoculazioni di persone completamente vaccinate, il 76,3% della platea dei vaccinabili, davvero un ottimo risultato, è ovvio si può fare sempre meglio: se ci fermassimo ora arriveremmo all'82% delle prime inoculazioni, ma non ci fermiamo, andiamo avanti, stiamo facendo le dosi aggiuntive per gli immunocompromessi e a breve, quando il Cts ci darà il via libera, partiremo con Rsa, gli over 80 e il personale sanitario in prima linea" ha detto il commissario all'emergenza Covid-19 a margine di una visita a Roma al Circolo Ufficiali "Pio IX". "La prima linea - ha sottolineato - va difesa: se non abbiamo personale sanitario che opera nelle corsie non solo per i malati Covid, ma per tutti gli altri, per questo mi appello alla vaccinazione, si possono decongestionare gli ospedali e ripartire con le attività normali, che per qualcuno di noi vuol dire la vita".  "La grande sfida logistica è stata portare i vaccini ai comuni. C'è stato un grandissimo sforzo logistico e siamo riusciti a portare nel momento giusto i vaccini in modo tale da fare 500mila inoculazioni al giorni", ha ricordato Figliuolo, concludendo che "l'ultimo miglio è continuare con un progetto di capillarizzazione, per portare i vaccini in giro per l'Italia". 

Covid, la curva del contagio in Italia

Bollettino Covid Lombardia

Oggi o nuovi casi di positività al coronavirus in Lombardia sono 472 a fronte di 61.172 tamponi per un rapporto dello 0,7%. 9 i nuovi decessi. Le persone in terapia intensiva sono 62; una in meno di ieri. Sono 437 i pazienti attualmente ricoverati non in terapia intensiva, 2 in più di ieri. Da inizio pandemia sono stati eseguiti 14.542.980 tamponi. Nelle province i nuovi casi sono così suddivisi: Milano: 132 di cui 48 a Milano città, Bergamo 41; Brescia 39; Como 13; Cremona 14; Lecco 8; Lodi 17; Mantova 17; Monza e Brianza 34; Pavia 31; Sondrio 3; Varese 104. 

"Negli ultimi giorni c'è stato un numero di prenotazione importante e molto superiore a quello dei giorni precedenti'' per la vaccinazione anti-Covid, ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ospite di Zapping su Rai Radio1. Fontana ha ribadito che in Lombardia "siamo intorno all'82% di somministrazioni completate, circa l'87% di chi ha ricevuto almeno una dose. Un risultato molto positivo che deriva sicuramente dalla buona organizzazione, dal dottor Bertolaso, dalla vicepresidente Moratti, dalla Protezione Civile, ma che deriva anche, e soprattutto, dalla partecipazione dei nostri cittadini, che hanno aderito alla nostra campagna con grande determinazione''.  E sulla possibilità di vaccinare anche i bambini fra i 5 e gli 11 anni Fontana si è detto pronto ad attivare la macchina regionale. "Noi ci atteniamo alle disposizioni che arrivano dagli organi scientifici, e se dovessero aprire anche a questa categoria noi siamo pronti a farlo. Così come lo siamo per la terza vaccinazione, per il richiamo''. 

Vaccino anti Covid bambini 5-11 anni: cosa sappiamo e quando potrebbe partire

Contagi e decessi regione per regione

VENETO

"Nelle ultime 24 ore, in Veneto, si sono registrati 457 nuovi casi di positività al Coronavirus, tutti con la variante inglese, e l'incidenza alla positività è pari allo 0,85%". Lo ha dichiarato il presidente della Regione, Luca Zaia. "I pazienti ricoverati sono 334, 7 in più rispetto alla giornata di ieri, e si sono registrati 3 nuovi decessi". ha concluso il governatore. 

FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi in Friuli Venezia Giulia su un totale di 10.892 test e tamponi sono state riscontrate 36 positività al Covid 19, pari allo 0,33%. Nel dettaglio, su 3.252 tamponi molecolari sono stati rilevati 28 nuovi contagi con una percentuale di positività dello 0,86%; su 7.640 test rapidi antigenici 8 casi (0,10%). Oggi non si registrano decessi; sono 12 (+1) le persone ricoverate in terapia intensiva mentre sono 50 (+2) gli ospedalizzati in altri reparti. Lo comunica il vicegovernatore del Fvg con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Complessivamente i decessi ammontano a 3.815. I totalmente guariti sono 107.874, i clinicamente guariti 123 mentre le persone in isolamento 1.189. Dall'inizio della pandemia in Fvg sono stati registrati complessivamente 113.063 contagi- Friuli Occidentale. Relativamente alle strutture residenziali per anziani si registra invece - conclude la Regione - il contagio di un operatore nell'area triestina. 

PIEMONTE

Oggi l'Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 225 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 90 dopo test antigenico), pari all' 1,0% di 22.240 tamponi eseguiti, di cui 16.798 antigenici. Dei 225 nuovi casi, gli asintomatici sono 121 (53,8%). I casi sono così ripartiti: 98 screening, 111 contatti di caso, 16 con indagine in corso, 4 importati (3 dall'estero). Il totale dei casi positivi diventa quindi 381.253. 

VALLE D'AOSTA

Dopo oltre due mesi in Valle d'Aosta torna a registrarsi un decesso per Covid-19. Si tratta della donna milanese di 93 anni, non vaccinata, che da alcuni giorni era ricoverata in rianimazione all'ospedale Parini di Aosta. L'ultima vittima da coronavirus segnalata in Valle risaliva allo scorso 13 luglio. I morti legati al Covid nella più piccola regione italiana, dall'inizio della pandemia a oggi, salgono dunque a 474. Calano invece a 61 i casi attuali di contagio i nuovi positivi riportati dal bollettino odierno di Regione e Usl sono 6, a fronte di 8 guariti. All'ospedale Parini i ricoverati sono 2, nessuno in terapia intensiva. 

P.A. TRENTO

Come annunciato questa mattina nel corso della conferenza stampa dell'Azienda sanitaria sul nuovo programma di vaccinazioni, il bollettino di oggi riporta 1 decesso dovuto al Covid-19 (una persona anziana, vaccinata, venuta a mancare in una struttura ospedaliera in cui si trovava ricoverato). Intanto sono 29 i nuovi contagi rilevati nelle ultime ore, mentre le vaccinazioni hanno superato quota 725.000, anche se rimane sempre forte l'appello - ribadito dalle autorità sanitarie nel presentare una nuova fase della campagna comunicativa - ad aderire con la massima convinzione al programma di copertura della popolazione. Ieri sono stati analizzati 350 tamponi molecolari dai quali sono emersi 11 nuovi casi positivi e sono state confermate anche 7 positività intercettate nei giorni scorsi dai test rapidi. Questi ultimi sono stati 3.307 che si sono rivelati postivi in 18 casi. Tra i nuovi contagiati ci sono 4 ragazzini in fascia 6-10 anni e questa volta sono più numerosi i soggetti anziani che hanno contratto l'infezione (3 hanno tra 60-69 anni, 4 tra 70-79 anni e 1 di 80 e più anni). Da registrare anche 18 nuove guarigioni che portano il totale a 46.277. La situazione degli ospedali riporta 3 dimissioni che hanno compensato altrettanti nuovi ingressi: 17 i pazienti attualmente nei reparti, di cui 2 in rianimazione. 725.766 infine i vaccini somministrati, di cui 336.147 seconde dosi. La suddivisione per classi di età è la seguente: 67.866 dosi a ultra ottantenni, 91.694 dosi in fascia 70-79 anni e 109.687 dosi in quella 60-69 anni. (red)  

P.A. BOLZANO

Sono 66 i nuovi casi di Covid-19 su 8.409 tamponi processati nella giornata di ieri. Nessuna persona è deceduta nelle ultime 24 ore a seguito del coronavirus per un dato che resta di 1.190 vittime da inizio pandemia. Stabile la pressione sugli ospedali con 19 pazienti covid ricoverati nei normali reparti ospedalieri e 9 in terapia intensiva. Le nuove positività sono 34 su 1.053 tamponi molecolari effettuati e 32 su 7.356 test antigenici eseguiti. Su 238.701 persone sottoposte a tampone molecolare, 50.523 sono risultate positive. Il numero delle persone testate positive ai test antigenici sono 27.786. I guariti totali sono 76.119. 

LIGURIA

Sono 59 i nuovi positivi al coronavirus oggi in Liguria, a fronte di 3.489 tamponi molecolari effettuati nelle ultime 24 ore, ai quali si aggiungono altri 5.381 antigenici rapidi. Negli ospedali ci sono oggi 81 pazienti, 1 in meno di ieri, di cui 5 in terapia intensiva. Il bollettino odierno registra 4 nuovi decessi: le vittime da inizio emergenza salgono a 4.401. 

TOSCANA

In Toscana 215 nuovi casi di Coronavirus, su 7.403 tamponi molecolari e 10.898 antigenici rapidi, tre morti e 426 guariti. Lo riporta il bollettino giornaliero trasmesso dalla Regione alla protezione civile nazionale. Il tasso di positività tocca l'1,2% sul totale dei tamponi e il 4,1% in relazione alle nuove diagnosi, mentre la pressione ospedaliera sale leggermente. Oggi i ricoverati nelle aree Covid sono 389 (due in più rispetto a ieri), di cui 53 in terapia intensiva (due in più). Dall'inizio dell'emergenza si contano 279.771 contagi, 264.578 guarigioni e 7.113 decessi. Andamento a due facce anche nell'ultima giornata sul lato delle quarantene. I dati aggregati delle aziende sanitarie, in effetti, certificano un'ulteriore contrazione a 7.691 del numero di asintomatici e malati lievi in isolamento domiciliare (-216) a fronte di una risalita a 13.251 delle sorveglianze attive a carico di persone entrate in contatto con casi infetti (+571).

EMILIA ROMAGNA

Tornano sotto quota 300 i nuovi casi di Coronavirus in Emilia-Romagna, 280 con 35.067 tamponi nelle ultime 24 ore. Sono 94 gli asintomatici e l'età media è 34 anni. Nelle province, Bologna registra 83 nuovi contagi più sei dell'Imolese, Reggio Emilia 35, Modena 33. I guariti sono 368 in più, i casi attivi 90 in meno (13.493), il 96,6% in isolamento a casa. Si contano altri due morti, due donne, una 90enne del Ferrarese e una 92enne del Reggiano. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 48 (+5 rispetto a ieri), 411 quelli negli altri reparti Covid (-5).

MARCHE

Nelle Marche l'incidenza di positivi su 100mila abitanti è scesa sotto quota 50 (49,55) nell'ultima giornata: 83 i casi di cui 27 in provincia di Pesaro Urbino, 20 nell'Anconetano, 12 in provincia di Macerata, 8 in provincia di Ascoli Piceno e 6 nel Fermano; 10 positivi provenienti da fuori regione. Lo fa sapere il Servizio Sanità della Regione. In 24ore i ricoveri sono saliti di un'unità (ora sono 78). Si è registrato un decesso correlato - un 64enne di Pesaro con patologie pregresse - che porta il totale regionale a 3.067. Attualmente nella regione ci sono 20 degenti in terapia intensiva (-1), 19 in semintensiva (invariato) e 39 nei reparti non intensivi (+2); due i dimessi. Gli ospiti di strutture territoriali sono 47 e 5 gli assistiti nei pronto soccorso. Il totale di positivi è 2.686 (-44) di cui 2.607 in isolamento domiciliare; le quarantene per contatto con positivi sono 3.545 (+52) e i guariti/dimessi 107.462 (+126). I tamponi eseguiti nelle ultime 24ore sono 4,706 di cui 2.092 nel percorso diagnostico (4% positivi) e 2.614 nel percorso guariti; si sommano a questi 1.174 test antigenici (23 casi rilevati). Le persone con sintomi sono 17; tra i casi 22 contatti stretti di positivi, 30 contatti domestici, due in setting lavorativo; approfondimenti epidemiologici in corso su 30 contagi. 

UMBRIA

Un ricoverato Covid in meno negli ospedali dell'Umbria, 50 al 21 settembre, cinque dei quali nelle terapie intensive, dato stabile: emerge dai dati sul sito della Regione. Nell'ultimo giorno sono stati accertati 44 nuovi positivi e 47 guariti, con nessuna nuova vittima. Gli attualmente positivi sono ora 1.135, tre in meno di lunedì. Sono stati analizzati 2.540 tamponi e 5.147 test antigenici, per un tasso di positività sul totale pari a 0,57 per cento (era 0,99 il giorno precedente).

LAZIO

Sono 10.556 le persone attualmente positive a Covid-19 nel Lazio, di cui 434 ricoverati, 53 in terapia intensiva e 10.069 in isolamento domiciliare. Dall'inizio dell'epidemia i guariti sono 362.703 e i morti 8.608, su un totale di 381.867 casi esaminati, secondo il bollettino aggiornato della Regione Lazio. 

CAMPANIA

Ci sono 236 positivi del giorno in Campania rilevati a fronte di 18.697 tamponi processati. Lo comunica l'unità di crisi della Regione. I deceduti sono sei, di cui cinque nelle ultime 48 ore, e uno deceduto in precedenza ma registrato ieri. Sono 289 i pazienti 
Covid ricoverati in posti letto di degenza, su 3.160 posti disponibili in Campania, e 16 quelli ricoverati in terapia intensiva su 656 posti disponibili.

ABRUZZO

 Sono 65 (di età compresa tra 1 e 87 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall'inizio dell'emergenza a 80.752. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 1 nuovo caso e sale a 2.537 (si tratta di un 86enne della provincia dell'Aquila). Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 76.257 dimessi/guariti (+152 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 1958 (-88 rispetto a ieri). 82 pazienti (+1 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 6 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 1870 (-89 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 2547 tamponi molecolari (1384925 in totale dall'inizio dell'emergenza) e 4618 test antigenici (790609). Il tasso di positivita', calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, e' pari a 0.90 per cento. 

MOLISE

In Molise a fronte di 374 tamponi c'è un nuovo contagio accertato. 

PUGLIA

Dei 14.436 test processati in Puglia per accertare l'infezione da coronavirus, 110 hanno dato esito positivo. Si tratta dello 0,76 per cento del totale. La gran parte dei nuovi casi di contagio è stato accertato in provincia di Lecce in cui si contano 47 malati 
covid in più rispetto a ieri. Seguono per nuove positività registrate le province di Foggia con 19, Taranto con 17, Bat con 15, Bari con 13 e Brindisi con 12. Un caso riguarda un residente fuori regione mentre altri 14 casi sono stati riclassificati e vanno tolti dalla somma data dalle singole aree. Gli attualmente positivi sono 3.125 di cui 196 ricoverati in area non critica covid e 22 in Terapia intensiva. Una sola la vittima dell'infezione da coronavirus mentre il totale dei guariti raggiunge le 257.481 unità. 

BASILICATA

Ci sono altri due decessi in Basilicata a causa del Covid. Sono stati registrati nella giornata di ieri. E' quanto fa sapere la task force regionale. Sul fronte contagi sono 41 i nuovi positivi accertati a fronte degli ultimi 937 tamponi processati, con un tasso di positivita' di poco superiore al 4%. Continua a salire il numero dei ricoveri, quattro in piu' rispetto a ieri: 59 le persone in ospedale, di cui 3 in terapia intensiva. Sono 33, infine, le ultime guarigioni accertate. 

CALABRIA

Sono 128 i positivi oggi in Calabria, a fronte di 3.806 tamponi esaminati, la percentuale di tamponi positivi è stata del 3,36%. Rispetto a ieri il numero delle persone risultate positive è salito a 82.511, al momento in cura nelle strutture ospedaliere e in isolamento controllato vi sono 4.467 persone. Sono 191 i pazienti ricoverati in ospedale di questi 13 in terapia intensiva: 5 a Catanzaro, 3 a Reggio Calabria, 5 a Cosenza, 0 a Crotone e Vibo Valentia. Ne dà notizia la Regione nel bollettino quotidiano sull'emergenza coronavirus comunicato dalla Protezione civile su indicazione delle Asp territoriali. I decessi sono 1.379 (+2 rispetto a ieri), le persone guarite sono salite a 76.665. I casi confermati oggi sono così suddivisi: Catanzaro 29, Cosenza 12, Crotone 40, Reggio 
Calabria 27, Vibo Valentia 7, provenienti da Stato estero o altra Regione 13. Al Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria si è toccata nuovamente la quota massima di ricoverati in reparto: 90. 

SICILIA

In Sicilia 492 nuovi casi Covid e 23 decessi, rispetto ai quali la Regione riferisce che solo uno fa riferimento alla giornata di oggi, un altro al 20, dodici al 19 settembre, tre al 18, due al 17 settembre, uno al 5 e al 4 settembre, nonché al 22 e al 15 agosto. I casi totali sono 294.151, le vittime 6.723. Gli attuali positivi 20.439, -603; i guariti 266.989, +1.072. De nuovi casi 147 sono della provincia di Catania, 86 di quella di Messina, 77 della provincia di Siracusa e 51 di quella di Palermo. I ricoverati con sintomi sono 646, 90 in terapia intensiva, 4 del giorno; 17.814 i tamponi effettuati. 

SARDEGNA

Stabilmente in calo, in Sardegna, i casi di Covid. Oggi si registrano 41 nuovi contagi, sulla base di 2.362 persone testate, e nessun decesso. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 17 (uno in meno rispetto a ieri) e quelli in area medica 178 (10 in meno). Sono 3.126 le persone in isolamento domiciliare (245 in meno rispetto a ieri). 

Le altre notizie sul Covid

Smart working dipendenti pubblici: cosa cambierà dal 15 ottobre

La leghista Donato: "Lascio il partito, rappresenterò tutti i no-vax". Salvini: "Auguri"

Covid bambini, 30 decessi in Italia. Appello dei pediatri: "Vaccinare presto"