Pieve Emanuele (Milano), 27 dicembre 2017 - Bruciano le auto nel Sud Milano: otto vetture sono state distrutte dalle fiamme negli ultimi tre giorni a Pieve Emanuele, Opera e Rozzano. Per i carabinieri si tratterebbe di fatti accidentali. Il primo episodio si è verificato la vigilia di natale in via Strauss, al quartiere ex Incis: devastata da un rogo un’auto in sosta in un parcheggio privato. Secondo alcuni residenti della zona, poco prima delle fiamme si sarebbero sentite alcune forti esplosioni, due in particolare, simili a quelle dei botti di Capodanno, che potrebbero aver originato le fiamme che hanno distrutto la macchina. Ma si tratta solo di un’ipotesi che non ha per ora riscontri oggettivi.

Ieri invece a Opera, sempre di notte, un’auto ferma in un parcheggio di via Einaudi è stata parzialmente distrutta dalle fiamme. In questo caso pare che le fiamme siano divampate dal motore, forse per un cortocircuito, ma anche in questo caso il condizionale è d'obbligo. Resta invece ancora forte la rabbia per il rogo della notte del 23 dicembre durante il quale sono andate distrutte sei auto a Rozzano, nel quartiere Alboreto. L’incendio è divampato in un parcheggio pubblico che si trova in largo Luigi Eriano, fra la torre Telecom e il capolinea del tram 15. Un incendio scoppiato attorno alle 3.30 e che sarebbe partito da una Ford.

Secondo i vigili del fuoco e i carabinieri intervenuti sul posto rapidamente, il rogo potrebbe essere stato originato da un cortocircuito della Ford. Da qui le fiamme si sono poi propagate ad altre cinque auto parcheggiate vicino. In questi casi è difficile risalire comunque alle origini dell’incendio, ma a supportare la tesi del fatto accidentale anche la mancanza di elementi che possano far prevalere altre ipotesi. Qualsiasi origine abbiano i tre incendi, resta il fatto che otto auto distrutte dalle fiamme in tre giorni sono un numero considerevole.