Bergamo, 10 aprile 2017 - A conti fatti il pareggio di sabato contro il Sassuolo non sono due punti persi, visto come l’Inter ieri abbia giocato per l’Atalanta. A ben guardare la gufata di Gasperini ha avuto un gettito lungo, prima Sampdoria e poi Crotone e cosi ora l’Atalanta deve guardarsi dal Milan piu che da una Inter stonata. Un pareggio quello di sabato che alla fine ci può stare visto che pur nella soddisfazione del trainer Gasperini l’Atalanta in partita è andata a onde, i primi 15 minuti e gli ultimi. Per il resto un lungo e sterile possesso palla, ma le occasoni vere solo nella ripresa, nella quale l’Atalanta avrebbe potuto anche ribaltare la partita.L’autore del pareggio è statto il ritrovato.

Cristante, alla sua seconda rete in campionato, dopo la gara ha spiegato: «In serie A non si possono vincere tutte le gare - sono state le sue parole -. Abbiamo creato occasioni per farlo e giocato un’ottima gara. Quando vai sotto diventa tutto piu difficile, siamo stati bravi a pareggiare e abbiamo cercato di portare a casa il successo senza riuscirci.

L’Atalanta si è fatta un ottima reputazione e contro di noi le squadre si chiudono bene. Sono contento per la rete segnata ma ora dobbiamo restare concentrati per conquistare l’Europa - ha proseguito guardando già al prossimo impegno sul campo della Roma -. Adesso andiamo all’Olimpico per cercare di fare risultato, l’importante sarà scendere in campo con la testa». A Roma rientrerà Kessie, il centrocampista ivoriano sabato squalificato, e del quale la società capitolina appare in vantaggio per la sua acquisizione del cartellino nel giugno prossimo. Non ci sarà però Alejandro Papu Gomez, che dovrà saltare la trasferta per squalifica e sarà una asssenza determinante visto che l’argentino è l’elemento che con le sue giocate e i suoi gol è quello che sta permettendo all’Atalanta di stare cosi in alto.