Una body cam per i vigili
Una body cam per i vigili

Paderno Dugnano (Milano), 10 gennaio 2019 - In arrivo 22 body cam, microtelecamere portatili, per gli agenti della Polizia locale padernese: le registrazioni saranno una prova oggettiva in caso di liti o di oltraggio a pubblico ufficiale.

«Serviranno per tutelare gli agenti in servizio in caso di liti e per dar loro maggiore sicurezza- ha spiegato il vicesindaco Gianluca Bogani - . Le body cam sono una garanzia per gli agenti che possono così documentare la loro condotta in caso di contestazioni e sono un prezioso supporto per l’attività operativa degli uomini del comando». La scelta del comandante Lucio Dioguardi è stata quella di acquistare una body cam da affidare personalmente in dotazione a 22 operatori. «In questo modo - continua il vicesindaco - non ci saranno problemi nel conservare le immagini e ognuno sarà responsabile di un apparecchio così come si è responsabili delle altre dotazioni di servizio. Nessuna immagine cancellata per sbaglio da colleghi perché ognuno dovrà occuparsi della sua telecamera che può essere azionata all’occorrenza». Le telecamere, si legge nella determina che ne preannuncia l’acquisto, hanno come fine quello di migliorare la sicurezza degli operanti e l’acquisizione di fonti di prova per l’Autorità Giudiziaria. Paderno aveva partecipato al bando indetto dalla Regione Lombardia per il loro acquisto lo scorso mese di agosto, ma essendo arrivata 149esima in graduatoria, non era riuscita ad ottenere il finanziamento».

Il Pirellone aveva stanziato 300mila euro per dotare i vigili di apparecchiature di videosorveglianza e anche di body cam, «ulteriore deterrente per i delinquenti», aveva commentato l’assessore alla sicurezza del Pirellone Riccardo De Corato. Verosimilmente presto arriveranno anche in altri comuni della zona simili dispositivi e intanto il comune padernese ha scelto di spendere 12 mila euro per l’acquisto degli apparecchi visto il mancato finanziamento. Verranno comprate direttamente, come si legge dalla determina, dalla ditta Dataerre di Sesto San Giovanni. Resta singolare la decisione di acquistare un numero così elevato di telecamere immediatamente visto che in altri comuni, ad esempio a Busto Arsizio, ne sono state acquistate 6 per tutto il comando.

Queste apparecchiature sono già state sperimentate a Brugherio e a Saronno dove già da un anno sono in dotazione e hanno portato i loro benefici. «Stiamo dotando di tecnologie importanti i nostri agenti - ha spiegato il vicesindaco Gianluca Bogani - e anche queste nuove telecamere serviranno per migliorare ulteriormente il nostro servizio». A Paderno solo qualche mese fa è arrivato anche un drone in dotazione alla Polizia Locale che verrà utilizzato per azioni investigative soprattutto di carattere ambientale e già da anni sono attive le fototrappole contro gli scarichi abusivi che in passato hanno dato ottimi risultati immortalando diversi scaricatori nei luoghi più desolati della città.