La nuova pista ciclabile
La nuova pista ciclabile

Gorgonzola (Milano), 6 gennaio 2019 - Prime biciclette in transito durante le vacanze di Natale, traguardo di fine anno per la pista ciclabile fra Gorgonzola e Melzo. Il cronoprogramma è stato rispettato: il percorso, un chilometro e 700 metri in sicurezza, è accessibile dai giorni scorsi. Per ora nessun taglio del nastro ufficiale: «Stiamo valutando la data più opportuna - spiega il sindaco Angelo Stucchi - con il sindaco di Melzo Antonio Fusè e con la mamma dello sfortunato ciclista Alessandro De Nicola, che perse la vita su questa provinciale e al quale, come oramai è noto, intitoleremo la ciclabile».

La struttura, finanziata per un milione e 400 mila euro circa dalla concessionaria di Teem, è percorribile anche se ancora incompleta. Mancano i parapetti di legno, che saranno posati in una seconda tranche di lavori. E manca la stesura dell’ultimo manto, il cosiddetto tappetino, che sarà posato solo in primavera, «ora sarebbe impossibile per questioni climatiche. Le imprese procederanno in primavera, ma si tratta di un ultimo ritocco. La pista è già da ora fruibile».

Con l’apertura “al traffico” si conclude comunque una vicenda progettuale e di cantiere durata quasi sei anni. Il progetto finanziato da Teem in prima battuta è stato modificato più di una volta in corso d’opera, così come taglia e cuci sono stati operati, negli anni scorsi, all’entità del finanziamento, accordato a titolo di compensazione, ricordiamolo, al Comune di Melzo. E ai lavori, partiti di fatto nello scorso settembre, si è arrivati dopo un interminabile iter burocratico e una non semplice stagione di espropri. Il cantiere, proceduto a sprone battuto nel corso dell’autunno, ha richiesto tre settimane di chiusura al traffico della Provinciale fra i due comuni. Tre i lotti di lavori, uno dei quali comprende l’attraversamento di carreggiata, messo in sicurezza con rialzi e illuminazione.

La ciclabile parte dall’incrocio delle Quattro strade di Melzo e termina in via Parini a Gorgonzola, all’altezza del sottopasso. Non solo una pure importantissima struttura salvavita. Il collegamento, nei progetti dei due Comuni, potrebbe avere importanti risvolti sulla mobilità d’area, collegando Melzo con la ciclovia della Martesana (uno dei percorsi ciclabili più battuti e apprezzati della regione) e Gorgonzola con il nodo d’interscambio ferroviario melzese, raggiunto ogni giorno da molti pendolari.

Lavori ormai al termine anche fra Bellinzago e Pozzuolo Martesana, dove si sta ultimando l’ultimo percorso ciclabile finanziato da Teem. L’inaugurazione della struttura era prevista per dicembre, slitta di alcune settimane per la scelta, in corso lavori, di dotare la pista di un guard rail di protezione a metà percorso, all’altezza di una curva reputata troppo a rischio.