Green pass
Green pass

"Oggi abbiamo registrato un boom di prenotazioni che va da +15% a +200%, variamente distribuito su tutte le regioni. In Friuli Venezia Giulia +6.000 in un solo giorno, il dato è molto confortante". Così il Commissario per l'Emergenza Francesco 
Figliuolo al Tg5. "Noi stiamo andando a 500.000 vaccinazioni al giorno, la macchina viaggia quasi al 100%". Insomma, ecco l'effetto Green pass. 

La certificazione sarà obbligatorio a partire dal 6 agosto e dovrà essere esibito per poter entrare in diversi esercizi commerciali e quindi molti italiani che ancora erano titubanti sulle vaccinazioni corrono ai ripari. Dalla Lombardia sino al Piemonte, passando per il Lazio, l'Abruzzo, la Liguria e la Puglia: nel giro di poche ore si è verificato un boom di prenotazioni per le vaccinazioni anticovid. "Homo homini lupus" dicevano gli antichi e in effetti proprio questa corsa a vaccinarsi sta dimostrando che, in questo caso, l'italiano medio ha la necessità di avere sopra di sé regole ben precise e rigide per poterle rispettare.

E quindi ecco che, arrivate le restrizioni date dall'entrata in vigore dell'obbligo di esibire il green pass, anche chi aveva qualche dubbio in merito alla possibilità di vaccinarsi contro il coronavirus ha lasciato cadere ogni perplessità. Evidentemente la paura di rimanere fuori da locali, negozi e quindi dalla vita sociale è stata più forte dei timori dati dal vaccino anticovid.

"Per venire incontro a queste nuove richieste saranno disponibili ulteriori 100mila nuovi posti per prime dosi, da oggi fino a fine agosto",  ha spiegato la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti. Si tratta di "un ulteriore sforzo - ha sottolineato Moratti - per agevolare la vaccinazione, unico mezzo per contrastare e vincere il virus e proteggere sia la propria salute, sia quella della comunità". Per i cittadini over 60, invece, è sempre libero l'accesso senza prenotazione a tutti gli hub vaccinali, mentre sono attive iniziative speciali con l'uso di mezzi mobili, sempre senza prenotazione, nei quartieri di Milano (fino al 31 luglio), Bergamo (dal 27 luglio al 12 agosto) e Brescia (da oggi fino al 29 luglio). In Lombardia 5 milioni di persone hanno completato il ciclo vaccinale, a fronte di più di 7 milioni di adesioni e 11 milioni di dosi totali somministrate.

Nel Lazio, l'assessore regionale Alessio D'Amato ha annunciato che "da ieri abbiamo avuto oltre 38mila nuove prenotazioni per i vaccini, una spinta importante in una regione come il Lazio che oggi ha superato le 6,5 milioni di dosi somministrazioni e in cui il 62% della popolazione adulta ha completato il ciclo vaccinale". Stessa situazione anche in Puglia: "Ho fatto una verifica questa mattina e in tutte le Asl pugliesi. Abbiamo assistito a un incremento delle richieste di prenotazione dei vaccini anti-Covid - ha detto l'assessore alla Sanità, Pierluigi Lopalco -. Al momento non è ancora possibile fare un conteggio definitivo dell'aumento ma, secondo i dati dell'Asl, si viaggia al momento attorno a un +10%. Comunque bisognerà attendere qualche giorno per valutare con maggiore precisione l'effetto Green pass". Boom di prenotazioni anche in Liguria, Piemonte e Friuli Venezia Giulia. Il governatore del Piemonte, Alberto Cirioi: "Le decisioni di ieri del Governo hanno avuto effetto anche in Piemonte: le richieste sono di raddoppiate. Dalle 20 di ieri ogni ora abbiamo il doppio di richieste rispetto all'ultima media".