Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
14 mar 2022
14 mar 2022

"Quarta dose vaccino anti Covid sarà necessaria entro fine anno". Lo dice il Ceo di Pfizer

L'amministratore delegato ha spiegato che la casa farmaceutica sta lavorando a un siero che copra per un anno da tutte le varianti, Omicron compresa

14 mar 2022

In questa fase, complice anche l'attenzione mediatica sulla guerra in Ucraina, il fronte Covid (anche per le polemiche) si è un po' "raffreddato". Ma i contagi, negli ultimi giorni, sono tornati a crescere e si moltiplicano gli appelli degli esperti a "non abbassare la guardia". Anche la "questione quarta dose" non è al momento al centro dei "pensieri degli italiani" (e non solo loro) e il 31 marzo finierà il periodo di "emergenza Covid" proclamato dal Governo. Ma a riportare la questione all'attenzione ci ha pensato l'amministratore di Pfizer, l'azienda farmaceutica che per prima ha realizzato e commercializzato un vaccino mRna efficace contro il Covid.

"La quarta dose di vaccino anti-Covid è necessaria", ha detto Albert Bourla, Ceo di Pfizer, in un'intervista a 'Face the Nation', programma della Cbs. "In questo momento, per quello che abbiamo visto, una quarta dose è necessaria - ha spiegato l'amministratore delegato del gruppo farmaceutico americano -. La protezione che si ottiene con la terza dose è molto buona, in particolare se si considerano ricoveri e decessi. Non è altrettanto efficace contro le infezioni" e "non dura molto a lungo. Stiamo sottoponendo i dati alla Fda, vedremo cosa diranno anche gli esperti al di fuori di Pfizer", ha aggiunto riferendosi ai pareri relativi al booster supplementare. 

"Serve un ottimo coordinamento tra Cdc", i Centers for Disease Control and Prevention, l'agenzia del farmaco "Fda e l'industria. In questo modo forniremo agli americani e al mondo un quadro coerente e non confuso", ha evidenziato. "In questo momento - ha ricordato Bourla - stiamo lavorando con attenzione per produrre non solo un vaccino che protegga contro tutte le varianti, compresa Omicion, ma che possa garantire protezione per almeno un anno. Se ci riusciremo, a quel punto potremo tornare alla vita a cui eravamo abituati". 

In precedenza, al programma 'Squawk Box' su Cnbc, il Ceo di Pfizer aveva affermato: "E' chiaro che c'è necessità, in un ambiente" caratterizzato dalla variante "Omicron di aumentare la risposta immunitaria".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?