Un autunno e inverno tra Covid ed influenza. E' quello che potrebbe accadere anche in Italia, secondo Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell'Irccs Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano, anche in Italia. ''Anche da noi stanno per arrivare freddo e sbalzi termici - ha spiegato l'esperto ai microfoni di iNews24 -. Abbiamo riaperto le attività lavorative e le scuole. Bisognerà vedere solo quando arriverà anche in Italia il colpo di coda, ma rischiamo lo stesso scenario, con la compresenza del virus influenzale". 

Un aumento di casi che vediamo già in varie nazioni, "ognuna delle quali sta cercando di trovare soluzioni diverse. L'Italia sta tenendo più che bene, anche se con un sistema", basato sul green pass, "che può infastidire qualcuno". Ma rispetto a un paese come l'Inghilterra, "siamo stati come un diesel: abbiamo iniziato più lentamente ma ottenuto un risultato migliore". Nel Regno Unito, ha osservato ancora, "sono stati temerari ed hanno aperto presto tutto in modo esagerato. Negli altri casi hanno vaccinato molto poco, se vediamo i morti e i malati gravi, la vaccinazione sta tenendo''. Per quanto riguarda la Bulgaria e la Romania, secondo Pregliasco ''non esiste un manuale. Ogni nazione ha provato con meccanismi diversi. C'è chi ha voluto dare un via libera che in questo momento non sembra essere stata la decisione migliore''.

Covid in Gran Bretagna, ecco perché Johnson non vuole ricorrere al "piano B"

E sulla nuova variante Delta plus Pregliasco ha detto: ''È presente in piccole percentuali anche in Italia. Il dato inglese è intorno al 6-10% ed esiste da un po'. Il fatto che non abbia preso così tanto slancio vuol dire che non ha una grande capacità diffusiva. Sembra che non cambi le caratteristiche della malattia ma sarebbe solo un 10% più contagiosa. Quindi la colpa principale dell'Uk è non aver fatto niente. È chiaro che adesso debbano aumentare le restrizioni''. 

Il boom di contagi e la nuova variante Delta: cosa succede in Gran Bretagna

Riguardo la vaccinazione eterologa per chi ha ricevuto il vaccino J&J, Pregliasco è convinto che ''possa dare risultati migliori".  "Walter Ricciardi però, è stato travisato - ha aggiunto - un'altra dose non va fatta dopo due mesi. J&J parte da una copertura non altissima e man mano si riduce. L'Fda ha detto che può essere fatta a partire da due mesi in poi. Comunque la prospettiva è fare a tutti una seconda dose e la vaccinazione eterologa dà ottimi risultati''.

Covid, i vaccinati con Johnson & Johnson "faranno la seconda dose con Pfizer o Moderna"

Più in generale, parlando della vaccinazione spray contro l'influenza che la Regione Lazio sta per avviare nelle scuole, Pregliasco ha spiegato: ''Il vaccino per spray nasale, già conosciuto da diverso tempo, è vivo-attenuato. Si replica, però è stato adattato per vivere bene a una temperatura inferiore a quella del corpo umano. Quindi il virus crea un'infezione naturale delle prime vie aeree, ma trovando troppo caldo si distrugge e non determina malattia. Trova una bella risposta anticorpale perché silura in modo diretto la malattia".