Prezzi scontati per attirare i clienti
Prezzi scontati per attirare i clienti

Cusano Milanino (Milano), 5 gennaio 2019 - Saranno la risposta dei negozi di vicinato al world “wild” web. Così FederModaMilano ha salutato l’avvio di questa stagione di saldi, in partenza oggi. E, secondo la stima dell’associazione, le aspettative milanesi sono lievemente migliori rispetto allo scorso anno. A Cusano Milanino, tuttavia, non tutti i commercianti sono dello stesso avviso. C’è chi risente ancora degli strascichi della crisi, chi stringe i denti e cerca di conservare una certa positività, chi parla di una situazione di stallo e chi ricorda con nostalgia gli anni d’oro della città giardino. Per Rosaria Testa, del negozio di abbigliamento Griffe Donna, le aspettative non sono rosee. "I saldi in realtà non esistono più - osserva - perché, a causa della crisi, i commercianti fanno sconti tutto l’anno, più o meno ufficialmente. L’offerta nel tempo è aumentata tantissimo perciò i negozi sono costretti a farsi concorrenza per sopravvivere. Ormai ai clienti i saldi non interessano, non funzionano, e io sarei propensa ad abolirli oppure a collocarli a fine stagione, non certo in questo periodo".

Più ottimista invece Isabel Ionno, titolare di Contrasti, negozio di abbigliamento che da poco ha festeggiato i 10 anni di attività. "Quest’anno sarà una bella lotta - confessa -. Ma voglio essere positiva, perché i clienti i saldi li aspettano. In tanti attendono gli sconti per concedersi quegli extra che non hanno acquistato a Natale. Qui da noi il saldo esiste ed è reale. Le vendite nel periodo festivo sono andate bene. Certo, non come negli anni d’oro, ma qualcosa si è mosso". Uno degli spauracchi da combattere, per i negozi di vicinato, è ovviamente la vendita on line. "Per stare al passo, dobbiamo reinventarci e aggiornarci, pensare a proposte sempre nuove per il cliente - spiega Ionno -. Per i saldi puntiamo molto sulla scarpa, è un prodotto che funziona. Una vera chicca, l’anfibio Guess". Abbastanza fiduciosa anche Alessandra Zabaglio di Maison decò, che tratta articoli di arredamento. "Per noi il saldo ha un significato differente rispetto ai negozi di abbigliamento: dobbiamo fare i conti con un rincaro di altro tipo. Arriveremo a scontare fino a un massimo del 50%, ma devo dire che il saldo funziona e invoglia. Proporremo tappeti, profumi per ambienti. Ma anche abbigliamento invernale fatto a mano, un po’ di nicchia: dalle sciarpe di pizzo ai capispalla". Le speranze non mancano nei locali di Fiorditela. "Le aspettative ci sono e speriamo vengano realizzate - racconta la titolare Marilena Ghezzi - Gli sconti si aggireranno intorno al 30%. Il nostro genere, che va dall’intimo alla teleria, di solito piace, perciò non proporremo rimanenze ma prodotti sempre recenti".