Una mostra tra storia e cultura
Una mostra tra storia e cultura

Sesto San Giovanni (Milano), 1 aprile 2018 - Al Parco Nord sono arrivati i dinosauri. Sono quattro. Mostruosi, ma innocui. Ma per vederli si dovrà attendere il giorno di Pasquetta. Domani si apre la mostra «Ritorno al Giurassico. Può contenere tracce di dinosauri» che sarà visibile fino all’8 luglio. Dunque al Parco Nord prosegue quella che ormai è una tradizione, proporre grandi eventi che mescolano cultura, storia, scienza e ambiente. Per la prima volta accade dal giorno di Pasquetta, quando il parco è preso d’assalto da migliaia di persone che scelgono il polmone verde per le loro gite di primavera. Il meteo, questa volta, sembra premiare questa scelta.

Più che una mostra, questo evento vuole essere un vero progetto di «edutainment» che utilizza il mondo dei dinosauri, particolarmente caro ai bambini, per parlare di biodiversità e di evoluzione del territorio e della vita sulla terra. I visitatori possono entrare in contatto con animali vivi (i piranha, il pitone reale, le farfalle tropicali, il millepiedi gigante africano, le blatte soffianti del Madagascar) scelti in base a caratteristiche che li accomunano con specie del passato permettendo così di confrontarne adattamenti, alimentazione, caratteristiche anatomiche e altri aspetti significativi. Sarà dunque un excursus storico. I veri protagonisti saranno loro, i quattro dinosauri ritrovati su suolo italiano (Tito, Antonio, Ciro e il Saltriosauro). Daranno vita ad un’esperienza interattiva unica che dall’Era glaciale ci conduce fino ai giorni nostri. Un percorso arricchito dalla realtà aumentata: ci si potrà ritrovare immersi in una spiaggia preistorica. Sarà possibile assistere a video didattici. Inoltre sono previsti laboratori pratici con divulgatori scientifici esperti che permettono di svolgere esperimenti sulle tematiche proposte dalla mostra.

Come per le due mostre precedenti «Welcome to the Jungle» e «Animali vs Supereroi», anche questo evento ha come obiettivo indagare la biodiversità del territorio del Parco Nord Milano, collegandosi alla sua storia ancestrale, che inizia milioni di anni prima dell’arrivo della Breda e dei palazzi. L’accesso alla mostra avrà un costo compreso tra i 4 e i 10 euro e, dopo l’inaugurazione del giorno di Pasquetta, sarà aperta tutti i sabati e le domeniche fino all’8 luglio.