Quotidiano Nazionale logo
15 gen 2022

Covid, l'Iss: rischio intensive è 38 volte maggiore per i no vax rispetto a chi ha 3 dosi

L'analisi dell'Istituto superiore di Sanità: vaccino efficace al 98% contro malattia grave con booster

Health workers wearing overalls and protective masks at work in the intensive care unit of the hospital of Cremona amid the Covid-?19 coronavirus pandemic, in Cremona, northern Italy, 26 December 2021. Italian Premier Mario Draghi's government has brought in a series of new COVID-19 prevention measures, including the obligation to wear facemasks outdoors, due to the sharp upswing in contagion and the arrival of the Omicron variant. It was already mandatory for people to wear facemasks in enclosed public spaces. The government has also decide to close Italy's night clubs and dance halls and ban open-air parties that attract crowds of people until January 31. It has also reduced the duration of the 'Super Green Pass' health certificate for people who are vaccinated for the coronavirus from nine to six months. 
ANSA/ FILIPPO VENEZIA
Terapia intensiva Covid

Roma, 15 gennaio 2022 - Il tasso di ricovero in terapia intensiva è pari a 26,7 casi ogni 100mila per i non vaccinati e 0,9 ogni 100mila per i vaccinati con booster. Lo evidenzia il Report esteso dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss), che integra il monitoraggio settimanale sul Covid. Inoltre, nei soggetti vaccinati con dose  aggiuntiva/booster, si legge nel Report, l'efficacia nel prevenire la diagnosi e i casi di malattia severa è pari rispettivamente al 68,8% e al 98%.

In merito all'impatto della vaccinazione nel prevenire nuove infezioni, ricoveri e decessi, l'Iss ricorda che "l'efficacia del vaccino (riduzione del rischio rispetto ai non vaccinati) nel prevenire la diagnosi di infezione SARS-CoV-2 è pari al 71% entro 90 giorni dal completamento del ciclo vaccinale, 57% tra i 91 e 120 giorni e 34% oltre 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale".

Covid: "Situazione epidemica acuta". Ricoveri e contagi: cosa può succedere tra 30 giorni

Rimane inoltre "elevata l'efficacia vaccinale nel prevenire casi di malattia severa: 95% nei vaccinati con ciclo completo da meno di 90 giorni, 93% nei vaccinati con ciclo completo da 91 e 120 giorni e 89% nei vaccinati che hanno completato il ciclo vaccinale da oltre 120 giorni". Per quanto riguarda le vittime, il tasso dei decessi per le persone non vaccinate è pari a 42,4 ogni 100mila. Quello dei vaccinati con ciclo completo e dose booster è 1,4.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?