Paullo (Milano), 11 settembre 2017 - Autobus elettrici collegheranno San Donato a Paullo, mezzi di ultima generazione che viaggeranno su corsie preferenziali realizzate ai lati della Paullese. È l’ultima promessa lanciata dall’assessore milanese ai Trasporti, Marco Granelli, arrivato al terminal della M3 per confrontarsi con i sindaci della zona sui problemi della mobilità del Sud Est Milanese. Si tratta di una proposta alternativa al prolungamento della metropolitana 3 nei Comuni che costeggiano la ex s.s. 415, un piano al vaglio da quasi vent’anni ma impossibile da realizzare per mancanza di risorse. "Faremo realizzare lo studio di fattibilità tecnico-economica per una linea veloce su gomma di Bus Rapid Transit, con stazioni intermedie simili a quelle di una metropolitana vera e propria, ma con il vantaggio di essere meno costosa". Il prolungamento della M3 è stato bocciato dalla Corte dei conti per le enormi stime del progetto intorno agli 80 milioni di euro.

Nei prossimi giorni dovrebbe essere formalizzata l’assegnazione dell’incarico a Metropolitane Milanesi per il piano di fattibilità, poi inizierà l’iter per il progetto “leggero” definitivo e la successiva ricerca delle risorse per la realizzazione. Durante l’incontro, il sindaco di Paullo, Federico Lorenzini, ha chiesto "di allargare l’esame del bacino di utenza ai pendolari che arrivano sul territorio attraverso la Teem e la Brebemi: queste strade hanno cambiato l’assetto della mobilità e possono aumentare di molto il numero di viaggiatori interessati alla nuova linea, questo renderebbe più favorevole il rapporto tra costi e passeggeri".

Intanto stanno per concludersi gli ultimi step burocratici per la rimozione del semaforo di Conterico, sempre a Paullo, e la costruzione di un cavalcavia sulla Paullese. I lavori dovrebbero cominciare nel 2018,presumibilmente intorno al mese di marzo.