Buccinasco (Milano), 11 ottobre 2017 - Non nasconde di essere «davvero preoccupata» Simona Cappuccini, da quando lunedì mattina si è trovata uno squarcio sulla gomma dell’auto. È uscita di casa come tutte le mattine, chiavi in mano. Poi, a pochi centimetri dalla macchina, si è accorta della gomma a terra e del taglio. «Ho pensato a un atto vandalico, come ne succedono tanti, non ho ricondotto a qualche questione personale», ricorda. Poi, scrive un messaggio nella chat del suo gruppo, quello della lista civica BucciRinasco che si è presentata alle elezioni di giugno con il candidato sindaco Caterina Romanello.

«Una bella sorpresa stamattina: un taglio sulla gomma, ora ho la macchina fuori uso, dal meccanico», scrive nella chat del gruppo. Ed ecco l’anomalia: «Anche a me è successo: un taglio, sembra con un cacciavite», risponde un altro componente del gruppo, sempre della lista civica. «E pure a me», messaggia un altro. «Da quel momento mi è salita l’ansia – racconta Cappuccini – Non mi è sembrata una coincidenza, soprattutto per un dato certo: i tre episodi si sono verificati in tre zone diverse e distanti, in tre vie di Buccinasco lontane tra loro. Chi può aver compiuto un gesto così mirato? E perché, soprattutto?».

Le domande sono molte, le ipotesi anche, ma almeno per ora non si ha idea di chi possa aver colpito le auto dei tre esponenti della lista civica. «Vogliamo sperare che non si tratti di un atto intimidatorio legato alla determinazione con cui stiamo portando avanti battaglie importanti su temi forti a Buccinasco, come le scuole e la sicurezza – prosegue Cappuccini – solo perché diciamo le cose in modo deciso».

La pensa così anche Caterina Romanello che siede ai banchi dell’opposizione e porta il suo messaggio di «solidarietà ai candidati della mia lista. Anche io non voglio pensare si possa trattare di intimidazione o minaccia. Noi continueremo le nostre battaglie così come abbiamo sempre fatto: con passione e determinazione, mantenendo sempre toni di civiltà, dando il nostro contributo per rendere migliore il nostro territorio. Voglio sperare – conclude Romanello – che le gomme squarciate siano solo opera di un vandalo».