Bresso (Milano), 10 novembre 2017 - La città del Parco Nord avrà il suo servizio di bike sharing free floating. Lo ha deciso la giunta del sindaco Ugo Vecchiarelli che intende dotare il territorio di questo servizio con la presenza delle postazioni fisse, dove poter prendere o lasciare le bici con il semplice utilizzo di un’app. Ma non solo. Il Comune ha tra gli obiettivi anche quello di allestire una «CiclOfficina» in grado di garantire ai ciclisti uno spazio per la manutenzione delle bici private: una bottega, gestita da associazioni come all’interno della stazione unificata «Cormano-Cusano Milanino». Oltre ad aderire al protocollo d’intesa per il progetto di bike sharing di Città Metropolitana, i bressesi potranno quindi ben presto abituarsi al noleggio delle bici a flusso libero, veicoli di facile reperibilità e anche a costi contenuti (per esempio tra i 30 e i 50 centesimi per ogni mezz’ora passata a spingere sui pedali).

Nelle prossime ore il Comune definirà tutti i dettagli con una delle società contattate. La proposta è quella di avere in città tra le 200 e le 250 bici, vale a dire rispettivamente una ogni 130 residenti o una ogni 104 (per una popolazione complessiva di 26mila abitanti): «Vogliamo diffondere questo nuovo modo di vivere il territorio usando la bicicletta a noleggio – sottolinea il sindaco Vecchiarelli – Negli ultimi anni abbiamo costruito nuove piste ciclabili che permettono di raggiungere il Parco Nord, che ci circonda da tutti i lati. Vorremmo sistemare la ciclofficina in via Bologna, dove ci sarà anche una bike station». Il Comune ha già studiato altri angoli dove piazzare le altre stazioni: la principale sarà nell’Area «Iso Rivolta», a lato del Capannone Sud dove si trova un parcheggio pubblico da 150 posti auto e dove transita la pista ciclabile del centro storico.