Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Elezioni politiche 2018, i candidati a Varese: la Lega punta su Bossi al Senato

Chiuse le liste: Giusy Versace per Forza Italia, Gianluigi Paragone col M5S

di R.V.
Ultimo aggiornamento il 30 gennaio 2018 alle 11:20
Umberto Bossi

Varese, 30 gennaio 2018 - Partita chiusa nella compilazione delle liste per le elezioni politiche del 4 marzo. A Varese turno nel segno dei grandi nomi. In primis, Umberto Bossi, capolista a Palazzo Madama per il collegio di Varese-Como-Lecco. Con l’elezione, quindi, il fondatore della Lega - da tempo in rotta con il segretario federale Matteo Salvini su una linea politica considerata lontana dalle originarie istanze federaliste - potrà tornare a fregiarsi del titolo di senatùr.

Punta invece su un giornalista “star” della tv il Movimento 5 Stelle che ha scelto c al Senato plurinominale Gianluigi Paragone, varesino di nascita, inizi in Prealpina e carriera sviluppata fra Padania (fu direttore dell’allora house organ leghista), Libero, Rai e La 7, dove ha condotto il talk show “La Gabbia”. Forza Italia gioca la carta della stella dello sport: capolista del plurinominale alla Camera sarà Giusy Versace, reggina, sprinter paralimpica (finalista nei 200 a Rio de Janeiro 2016) ed ex conduttrice della Domenica Sportiva; in quota proporzionale al Senato spunta l’ex amministratore delegato del Milan Adriano Galliani. Il Pd pesca nel mondo dell’istruzione. Il nome nuovo per i “dem” è Vincenzo Salvatore, candidato all’uninominale alla Camera. Diplomato al Cairoli, già consigliere comunale socialista a Palazzo Estense, è professore di Diritto internazionale all’università dell’Insubria.

Spulciando qua e là fra le liste, si scorgono nomi noti. Nel Pd entrano Alessandro Alfieri (Senato), Maria Chiara Gadda (Camera) e l’ex assessore regionale Maurizio Bernardo, già fedelissimo di Roberto Formigoni e con un passaggio nel Pdl (dettaglio che ha suscitato le ironie del capo di Possibile, l’ex Pd Pippo Civati). Non ci sarà Daniele Marantelli. Nella Lega Nord al fianco dei confermati Stefano Candiani (uninominale Senato) e Giancarlo Giorgetti (plurinominale alla Camera), si fanno avanti due new entry, il segretario provinciale Matteo Bianchi e il sindaco di Samarate Leonardo Tarantino. In Forza Italia ecco l’ex sindaco di Busto Arsizio Gigi Farioli. Per i Cinque Stelle Paola Macchi tenta il salto dalla Regione a Roma (sponda Senato), mentre alla Camera ci provano tre donne: Valentina Licausi, Alessandra Viola e Monica Gliera. Luisa Oprandi, “scaricata” dal Pd, va con i prodiani di Insieme. I centristi di Noi per l’Italia: al Senato c’è Paolo Aliprandi, alla Camera, fra gli altri, Enrico Zanetti e Mina Roviello.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.