Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

A Malpensa l’hub italiano delle merci

Presentato in aeroporto il piano nazionale del settore: il 55% del materiale che si muove per via aerea passa dalla brughiera

di ROSELLA FORMENTI
Ultimo aggiornamento il 28 novembre 2017 alle 07:12
Malpensa Cargo City

Malpensa (Varese), 28 novembre 2017 - E' lo scalo leader in Italia nel settore cargo, Malpensa e ieri proprio all’Hangar Sea Prime del Terminal 1, si è svolta la presentazione del Piano delle azioni di rilancio del cargo aereo italiano, alla presenza del ministro ai Trasporti e alle Infrastrutture Graziano Delrio e del presidente della Regione Roberto Maroni. Occasione per fare il punto della situazione e delineare le strategie per il futuro che vedono Malpensa protagonista. I dati snocciolati da Giulio De Metrio, chief operating officer di Sea, hanno confermato la crescita dell’aeroporto nel comparto delle merci.

"Nell'arco di cinque anni – ha ricordato De Metrio – a Malpensa il cargo è cresciuto del 40% e nel 2017 si sfioreranno 580 mila tonnellate». Nello scalo varesino, dove operano 20 vettori al cargo, con 210 voli settimanali e dove negli ultimi cinque anni Sea ha investito 70 milioni di euro nel settore, transitano il 55% delle merci che in Italia viaggiano per via aerea. La conferma dell’importanza dell’aeroporto della brughiera che in futuro, quando saranno terminati i lavori di ampliamento, potrà gestire un milione di tonnellate di merci all’anno. "Malpensa è sempre più la porta del made in Italy sul mondo – ha sottolineato ancora De Metrio – qui viaggia merce ad alto valore aggiunto che ha sempre più necessità di essere time to market". Malpensa non si ferma e guarda ad ulteriori miglioramenti. Tre le linee di sviluppo ricordate da De Metrio: il cargo puro, il potenziamento del trasporto merci nelle stive dei velivoli per il traffico internazionale passeggeri e il trasporto courier, il futuro. Dal ministro Delrio i complimenti per Malpensa. "È un centro internazionale cargo – ha detto – da solo porta sulle sue spalle gran parte del traffico merci. Complimenti a questo hub che vogliamo sempre più potenziare".

Quindi a proposito delle azioni necessarie al settore il ministro ha ricordato: "Stiamo lavorando con le associazioni di categoria per snellire ancora di più le procedure burocratiche e aiutare l’efficienza con investimenti nell’infrastruttura. E ci sono piani di potenziamento per diversi scali". Nel piano anche la collaborazione con l’Agenzia delle Dogane "per semplificare lo sdoganamento e i movimenti delle merci e la loro tracciabilità"È intervenuto anche il governatore Roberto Maroni. L’esponente leghista ha sottolineato l’impegno a favore di infrastrutture e mobilità. "Siamo con Anas – ha detto – siamo con Rfi per completare i collegamenti ferroviari, il T2 con Gallarate, che consentirà a Malpensa di diventare un punto di riferimento anche per il trasporto ferroviario con il Nord Europa". Malpensa sempre più strategico.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.